BLOOPERS/ Le orecchie dei Gremlins, l’orologio di Superman e il wurstel di Pretty Princess

- Dana e Spinoza

DANA e SPINOZA ci guidano anche questa settimana alla scoperta di errori, topiche e sviste nei film, più o meno recenti, in programmazione televisiva: ecco i bloopers

gremlinsR439
Una scena di Greminls

Ci sono momenti, Spino, in cui nemmeno la tua collezione di DVD può venire in tuo soccorso. Tipo, ieri sera mi sono finita la terza stagione di “Spartacus”. Perfetto, dirai tu, perché dovrebbe calermi qualcosa?

Tu l’hai detto, non io eh!

Giusta osservazione. Dovrebbe calertene, però, perché se io poi mi annoio divento ancora più acida. Ti converrebbe, per cui, che io trovassi al più presto qualcosa con la quale passare le nottate insonni e non fare facili ironie (nemmeno voi che leggete, che lo so che lo avete pensato!). Mi basta una bella serie tv nuova, interessante, magari anche originale…

Nel frattempo bloopererei, dai. “Gremlins”, un classicone dell’infanzia degli ottantini, alle 13.30 su Italia2, ma solo perché non ce la facevo a scegliere “Nel sole” con AlBano & Romina. Zach va in bagno col Mogway per medicarsi della ferita. Dal lavandino spuntano già le orecchie del gremlin che verrà formato tra un momento.

Su Rai Storia alle 21 c’è “Sacco e Vanzetti”, quello degli anni ’70 di Montaldo con l’immenso Volontè. Durante uno dei tre processi, vengono distribuite alla corte delle fotografie ritraenti movimenti anarchici, l’avvocato difensore di Sacco e Vanzetti ne prende tre dalle mani di alcuni membri della corte e, dopo essersi accanito col giudice le butta in arie e diventano cinque. P.S. non le ha strappate.

Roba storica anche questa…

Appunto, storia. Che a me piacciono un sacco le serie storiche, ma mi sono vista, per esempio, “I Tudors” e… well, dire che Enrico VIII fosse quel gran pezzo di fanciullo dall’espressione intelligente (sono ironica su una delle due cose… a voi stabilire quale) è un pelo una forzatura. Dopo la seconda moglie, per dire, aveva già cominciato a imbolsire ed era ben lungi dalla perfetta fisicità. E aveva il capello roscio, poi.

Sabato “Nel nome del padre”, alle 23 su La7. Qui segnaliamo, appunto, i capelli di Paul Hill che cambiano da corti a lunghi a corti a lunghi con codino durante l’intero film. Oh, complimentoni agli hair stylists, eh…

“Sfida tra i ghiacci”, con l’immenso Steven Seagal. Non nello stesso senso di Volontè, immenso, comunque. Ore 21.30 Rete 4. In una scena Forrest sta combattendo con un lavoratore della raffineria AKA (quando escono le bolle dal terreno) e, a un certo punto, sulla faccia di questi appare un liquido rosso (ketchup, cioè, volevo dire sangue), ma nelle scene successive non c’è più.
Quindi devo dedurre che Spartacus non ti è piaciuto granché?

No, Spartacus devo dire che mi è piaciuto parecchio. Sangue e sabbia ovunque, in effetti, e… oh, well, forse a un maschio non sarebbe piaciuto moltissimo, le scene di fanciulle nude si sprecano, ma si sprecano soprattutto quelle dei fanciulli. Con six pack in bella vista. E no, per la gran maggioranza non potete competere. Sorry.

Ecco, domenica alle 22.30 su Rai Movie troviamo “Sex and the city”: meno gore e sangue, ma in quanto a Sex presumo che ci siamo. Che poi, ho la stessa obiezione anche per “I Tudors” e per “I Borgia”: capito che la tele non c’era ma da lì ad avere solo quello come hobby… Quando Carrie è a letto con Big e ha finito di leggere una lettera d’amore di Beethoven (contenuta in un libro), il libro è chiuso, ma quando viene cambiata inquadratura il libro è aperto.

Tsk, gli unici sixpack che mi interessano sono gli originali, quelli della birra. “Hollywoodland”, ore 21.05 su Iris. George (Ben Affleck) è al ristorante e sta fumando quando gli vien consigliato di smettere di farlo. Si vede una bella nuvola di fumo uscire da bocca e naso dell’uomo, ma al cambio di inquadratura è completamente sparita.

 

Ecco, visto che siamo anche in tema di papato fresco fresco, la serie dei “Borgia” mi è piaciuta una cifra. Sarà che, hobby a parte, la Storia viene rispettata a sufficienza dalla storia (circa quasi, eh, niente roba da Enciclopedia Treccani, ma si difende abbastanza bene…), ma è venuta bene. Aspetto la prossima stagione trepidante, come aspetto anche la terza stagione di Spartacus.

 

Mica ti preoccuperai di eventuali spoiler… basta aprire un libro di storia di terza superiore.

 

Non fare facile ironia, lo so che alla fine muoiono tutti, è che voglio sapere che ricamini fanno per arrivarci, a quel “muoiono tutti”. Oh.

Ecco, guarda! Lunedì c’è il tenerissimo “Superman” del 1978, quello vero-vero, non la robaccia rifatta di pochi anni or sono. Lo trovate alle 15.50 su Italia1. Guardatelo, così scoprirete anche voi che anche negli altri mondi usano orologi da polso per misurare le 24 ore, proprio come quelli terrestri… ma forse Jor-El lo aveva comprato su eBay e si sa che spesso gli affari migliori si fanno oltreconfine…

 

www.eBay.krypton…

“Quando l’amore brucia l’anima – Walk the line”, ore 21.10 La5. Nel film June e Johnny si esibiscono nel “Johnny Cash Show” quando ancora non sono sposati. Quello show debutto però nel 1969 sulla ABC…e i due si erano già sposati nel marzo del ’68.

Vediti CSI se non sai che fare, tanto quello c’è sempre.

 

No, dai, niente CSI, sono un po’ stufa. Ormai dopo millemila stagioni ho visto tutte le angolazioni della prospettiva delle prove, anche basta.

Martedì “Pretty Princess”, fiaba moderna piuttosto caruccetta, in verità. Alle 21.05 su Rai1. Segnatevelo, se avete cuginette che pernottano da voi e non sapete come neutralizzarle. Quando Mia e la nonna si prendono un giorno di libertà e vanno al luna-park, Mia prende un salsicciotto infilato su un bastoncino, e dopo averne preso un bel morso, ne offre anche alla nonna; il salsicciotto, come si avvicina alla bocca della nonna, è miracolosamente intatto di nuovo.

Del resto, vorrai mica offrire un wurstel masticato alla nonna regina, no?

 

Perché no? Tanto anche le regine masticano…

“Funny money – Come fare i soldi senza lavorare”. Me lo devo vedere, soprattutto per il sottotitolo. Ore 21.10 La5. Quando Laurel Ayres firma le foto di Barbra Streisand ecc. a nome di Robert S. Cutty vengono inquadrate solo le mani. Nell’inquadratura possiamo vedere delle unghie lunghe, quadrate e curatissime, mentre in tutto il film Whoopi Goldberg ha le unghie molto meno lunghe, rotonde e senza la french manicure.

Un errore da estetista…

Io prendo invece “Bloody Sunday”, alle 21.10 su Rai4. Dopo circa 15′ del film si vede sullo sfondo (mentre il protagonista parla con la polizia inglese perché rimuova un posto di blocco) un ripetitore per telefoni cellulari che nel 1972 (anno di riferimento del film) NON esistevano.

 

“Lettere da Iwo Jima”, Iris, 21.05. A 29’, l’amico di Saigo è steso sulla stuoia di fianco: ha la testa sollevata rispetto al braccio e guarda verso il poliziotto. Allo stacco ha la testa posata sul braccio e guarda Saigo alla sua sinistra.

 

Ecco, una serie che potrei rivedermi: “Bands of brothers”! Come protagonista c’è quello che ha fatto il protagonista in “Life” ed era pure accurata… Ho anche “The Pacific”, tanto per stare in tema con Iwo Jima… però bombardamenti e sparatorie col dolby all’1.30 potrebbero non essere graditi ai vicini, or che mi sovviene…

Ci rifletto. Oh, guarda qui… da quando DeeJayTV trasmette film? Alle 21 infatti c’è “Kiss of the Dragon”… sarà un musical? Quando Bridget Fonda combatte con Li, i suoi capelli sono ribelli sulla faccia. Cambio inquadratura ed eccoli belli ed ordinati dietro le sue orecchie. Ma poi tornano ribelli e di nuovo pettinati.

Tu errori da estetista, io errori da parrucchiera!

 

Le partita IVA ci regalano tante soddisfazioni.

Ma quali e quante soddisfazioni ci arrivano anche dai nostri filmacci del giovedì, che non ci facciamo mai mancare! Un film poco noto: “Tutti possono arricchire, tranne i poveri”, con Montesano-Bouchet-Mazzamauro, alle 3.20 di notte su Rete4. Mettete la sveglia mi raccomando.

Renzelli (Montesano) viene reclutato dalla Contessa Federici (Barbara Bouchet) per partecipare a una gara dove il concorrente viene trainato da un motoscafo. Montesano in questo frangente si trova appeso a un paracadute al motoscafo e deve reggere dei palloncini che dovranno essere colpiti dai vari miliardari sulle barche sotto di lui. I palloncini variano la distanza da Montesano a ogni inquadratura, da che li ha tutti raccolti contro di lui, a momenti che li ha dietro di diversi metri.

 

Sai che faccio? Ora recupero tutti i miei classiconi in DVD e mi preparo a una megamaratona di CleopatraDieciComandamentiBenHurLaTunicaStoriaDiRuth, tanto è Pasqua e i filmozzi biblici viaggeranno a paccate, a breve, meglio aggiungere qualche blooperino fresco fresco.

Saluta, dai, ti tengo un posticino sul divano e sprimaccio il tuo cuscino preferito.

 

Ragazzuoli mi sa che non ne esco tanto presto dalla maratona di sandaloni. Tanto l’appuntamento è fra una settimana qui su ilsussidiario.net, ma voi potete – anzi dovete – venirci a trovare su www.bloopers.it e su http://multiplayer.it/forum/bloopers.

Ciau!!!! 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori

Ultime notizie di Una settimana da blooper