BLOOPERS/ I fiammiferi di Shutter Island, la sabbia di Barabba e il marchio di Wanted

- Dana e Spinoza

Praticamente in ogni film, ci sono errori che solo un occhio attento e allenato riesce a cogliere. Tornano DANA e SPINOZA, con le sviste delle principali pellicole di questa settimana

shutterislandR439
Una scena del film Shutter Island

No, cioè, siamo a Pasqua e il tempo sembra più quello di Natale… dovrebbero metter fuori i panettoni, non le colombe! 

Quante storie… il freddo ti conserva, innanzitutto, e i maglioni fanno in modo che non si notino le trippy da pandoro, che apprezzo molto di più di colombelle e panettoni.

Sarà, ma io non ci trovo neanche tutta sta gran differenza tra panettone e colomba. Non è che fanno l’impasto una volta e ci tirano avanti tutto l’anno?

Ipotesi agghiacciante…

Cominciamo subito con uno dei miei registi preferiti, se non il preferito in assoluto, anche se con un suo film non propriamente riuscito: Werner Herzog e il suo “Il cattivo tenente – Ultima chiamata New Orleans”, alle 21.10 su Rai Movie. Terence e i poliziotti bussano alla porta della ragazza nera con la bambina in braccio. La mamma tiene la mano destra sulla schiena della piccola, ma al cambio di inquadratura la sta tenendo sulla testa.

Le stava facendo fare il ruttino?

Io prendo un bel film da finale aperto: “Shutter Island”, alle 21.10 su Italia1. È uno di quei film in cui se sei girato bene finisce bene, mentre se sei girato male finisce male. In ogni caso hai materia per discutere con il mondo. Terribilmente assurda la sequenza nella quale Teddy, nel blocco C completamente al buio, illumina perfettamente ambienti di notevoli dimensioni accendendo una serie di fiammiferi. I fiammiferi, tra l’altro, ha tempi di bruciatura enormi, l’illuminazione è costante anche quando stanno per spegnersi, e a volte – al colmo – rimane uguale anche a fiammifero spento.

Sapevo dei fiammifero antitutto, ma così è un filino eccessivo, ecco.

Sabato “I diavoli volanti”, con Laurel&Hardy che i nostri compatrioti conoscono meglio come Stanlio e Ollio. Rai 3 ore 20.05, e visto che il film dura poco più di un’ora, diciamo che fa la funzione di pre-prima serata, un po’ come facevano le repliche di Moonlighting vent’anni fa o Tom&Jerry da una vita. Quando i nostri sono a tavola, Ollio suona il “campanello” per chiamare la cameriera, e dopo averlo suonato incrocia le dita in attesa d’essere servito, ma nell’inquadratura successiva ha le mani appoggiate sul tavolo.

Che carini, Stanlio e Ollio! Li guardavo sempre da piccola! Tentavo anche di fare a cupcake in faccia con mia cugina, ma l’effetto non era mai quello sperato, di pannosa morbidezza sul bordo, ma di urlacci satanici di mamma&zia (a scelta nell’ordine…) quando scoprivano come avevamo ridotto il soggiorno.

Come succedeva spesso con Stallio e Ollio, anche tu non avevi il regista adatto…

 

Dai, visto che siamo a Pasqua scelgo “Il Re dei Re” alle 21.30 su Rete4, film in cui vediamo apparire miracolosamente un fico d’India nel deserto dove si trovano Gesù e Satana: o si trovavano in qualche zona desertica messicana dove il fico d’India cresceva sul serio, o c’è qualcosa che non torna, visto che al tempo di Gesù l’America era ancora di là da essere scoperta.

 

Sei sicura? Una volta ho letto un libro di fantascienza in cui i romani avevano scoperto l’America… magari la realtà supera la fantasia…

Domenica buona Pasqua! Finalmente si può aprire l’uovo di cioccolato, magari scioglierlo per fare una buona cioccolata calda. Ricordatevi però di togliere prima la sorpresa, ché quella sciolta non è granché buona.

 

“Balla coi pupi”, pardon, “Balla coi lupi”, il film che in un colpo solo ha resuscitato il western e Kevin Costner. Che poi siano entrambi morti di nuovo è un simpatico dettaglio. Su La7 alle 21.10. Quando Dunbar offre da mangiare al lupo impugna un pezzo di carne secca a forma triangolare con la punta rivolta verso l’animale, nel controcampo la impugna al contrario. L’errore si ripete nei tre stacchi successivi.

 

Io sceglierei “Full Metal Jacket” visto come vanno a finire certi pranzi di famiglia, ma poi mi sento in colpa, così sto sul solito polpettone biblico: “Barabba”, alle 22 su Cielo. Il gladiatore reziario fa cadere Barabba nella sabbia. Com’è ovvio, lui si insabbia tutto. Quando si rialza, però, ecco che la sabbia, evidentemente spaventata dal gladiatore “invincibile”, è svanita…

 

Lunedì di Pasquetta, la scampagnata mi sa che non si fa – brutto tempo, dicono. In alternativa si può vedere “1855 – La prima grande rapina al treno”, con Sean “007” Connery e di Michael “Jurassic” Crichton. Ore 21.10 su Rai Movie. “Tarantola” evade di galera scalando il muro del penitenziario e scavalcando la parte sommitale del muro, rinforzata con dei spuntoni di legno che ruotano. Tarantola si aggrappa agli spuntoni e si ferisce le mani (si vede dal sangue che esce), ma in quelle scene concitate si nota che le mani non hanno alcuna ferita.

“Il giro del mondo in 80 giorni”! Quello con David Niven! Si vede che siamo in periodo di feste, lo danno solo in occasioni così. Alle 21.10 su Italia7Gold. Ecco, una scena delisssiosa: durante l’assalto al treno da parte degli indiani, una freccia colpisce Passepartout, fa “boing!” e rimbalza via…

 

“Passepartout, ma non attraverso di me!”

Dev’esserci qualche anniversario perché su La7 martedì daranno una serie di film di un regista che non conoscevo, George Pollock. C’è “Assassino a bordo” alle 21.10 su La7. Quando lo “spicciativo” dottore parla delle cause della morte della terza vittima, cita il curaro come utilizzato “dai pigmei del Sudamerica”. I pigmei ovviamente sono una popolazione africana.

Magari erano semplicemente nanetti…

 

Era peggio se li confondeva con i Watussi, dai…

Dopo Pasqua&Pasquetta, io consiglio, invece di andare in “Swimming Pool” (23.40, La7D)… ok, a volte mi faccio paura per quanto sono simpatica… Charlotte Rampling (nella parte della scrittrice Sarah Morton) nelle scene iniziali del film, cammina per la strada durante una giornata di pioggia. Entra in un locale e chiude l’ombrello. Successivamente, appoggia lo stesso l’ombrello sul bancone del bar, inspiegabilmente asciutto nonostante la pioggia. Inoltre, dalle finestre del locale, si nota la strada asciutta.

 

Con tutta l’acqua in piscina non c’è bisogno di altra acqua per strada…

Mercoledì un film che mi è sempre piaciuto anche se non so il perché, forse perché la coppia Depardieu-MacDowell è talmente improbabile da risultare simpatica: “Green card – Matrimonio di convenienza”,  ore 21.05 RaiMovie. Brontë/Andie MacDowell è alla festa senza calze (o indossa calze color carne) ma quando torna a casa si toglie delle calze nere.

 

Alle 13.45 su Iris troviamo “Due padri di troppo”. Billy Crystal è al bar con una sua ex ragazza. Lei gli dice che è il padre di suo figlio mentre lui sta bevendo un Martini. Shoccato dalla notizia, beve il Martini d’un sorso, lasciandone solo un goccio nel bicchiere. Nuova inquadratura e il bicchiere di Martini è di nuovo pieno; terza inquadratura e il bicchiere è quasi vuoto.

Non c’è che dire, la notizia deve avere sconvolto anche il Martini…

Ahah ci credo. E dire che i Martini sono la causa della nascita di molti figli…

Giovedì è il momento dei nostri filmacci all’italiana preferiti. “Eccezzziunale… veramente” l’abbiam già fatto, quindi possiamo virare con non-chalance (ma come si scrive?) verso “Di che segno sei?”, su Iris alle 11.15 del mattino. Episodio “Aria”. Alla fine della loro performance, Claquette e Fred Astaire ballano “Tea for two”. Ma sarebbe impossibile sentire il rumore del tap, in quanto le scarpe dei ballerini non sono provvisti di claquettes, come si vede nelle scene precedenti (la Melato, poi, calza addirittura delle espadrillas!).

 

No, dai… è già giovedì? Ma da quando la settimana passa così in fretta? Ecco, guarda, la concludo con un film che ancora sto chiedendomi come diavolo sia possibile io abbia visto: “Wanted – Scegli il tuo destino”, alle 21.10 su Italia1. È interessante vedere come il marchio a fuoco MP che ha Fox appaia solo quando racconta la sua storia al pischellino, ma non ci sia per tutto il resto del film…

 

Economia, economia.

Finalmente aprile, dolce dormire… vado a fare una pennica. Saluti tu?

 

STAI ATTENTO ALLE… uova. Ecco, appunto.

Ragazzi, io vi saluto qui, invitandovi as usual sul sussidiario.net venerdì prossimo, e 24/7 quando vi va suwww.bloopers.it e su http://multiplayer.it/forum/bloopers/.

Se poi cercate di non accoppare le uova di Pasqua prima di aprirle, come è riuscito a fare elegantemente Spino, è pure meglio…

Spino, con una sola sdraiata sei riuscito a seccarle tutte e 10 o se ne è salvata qualcuna? No, così, curiosità..

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori