“Zitromax non va usato contro Covid”/ Bassetti e Franceschi: “Crea resistenze”

- Alessandro Nidi

Sulla questione Zitromax si sono espressi i professori Matteo Bassetti e Francesco Franceschi, sottolineando che l’antibiotico non andrebbe usato contro il Coronavirus

zitromax
zitromax

Matteo Bassetti, direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale policlinico “San Martino” di Genova, e Francesco Franceschi, direttore della Medicina d’Urgenza del pronto soccorso del policlinico “Gemelli” di Roma, sono intervenuti ai microfoni della trasmissione di Rai Uno “Buongiorno Benessere” nella mattinata di sabato 15  gennaio 2022 e hanno commentato il momento di scarsa reperibilità dello Zitromax (antibiotico anche noto con il nome generico di Azitromicina) nelle farmacie di tutta Italia. Una carenza di cui anche IlSussidiario.net ha dato notizia nei giorni precedenti e imputabile al grande utilizzo che si fa del farmaco nell’ambito delle terapie destinate ai malati Covid.

Una strategia, o meglio, un approccio di cura che non convince i due esperti, a cominciare dal dottor Franceschi, il quale ha asserito: “L’antibiotico è attivo contro i batteri, non contro i virus. Ecco allora che utilizzare dall’inizio della malattia da Covid un antibiotico non è una strategia corretta. Invece, per chi presenta fattori di rischio importanti, come malattie cardiovascolari croniche, ipertensione, diabete, si può pensare agli anticorpi monoclonali o al nuovo antivirale Molnupiravir”.

ZITROMAX, MATTEO BASSETTI NE BOCCIA L’IMPIEGO CONTRO IL VIRUS SARS-COV-2: “MENO DELL’1% DEL TOTALE DEI CASI HA BISOGNO DI ANTIBIOTICI”

A “Buongiorno Benessere”, sul caso Zitromax ha detto la sua, come accennavamo anche in precedenza, il professor Matteo Bassetti. Queste sono state le sue parole: “L’azitromicina l’abbiamo usata alla pari degli antinfiammatori. La si è usata perché ha un’attività antinfiammatoria molto pronunciata, ma esistono gli antinfiammatori, che vanno impiegati in situazioni di questo tipo”.

Bassetti ha lanciato quindi un monito ulteriore: Attenzione a usare un antibiotico, perché creiamo resistenze. Noi siamo in una fase post pandemica in cui sono stati utilizzati troppo e male gli antibiotici. Meno dell’1% del totale dei casi di Covid ha bisogno di antibiotici. In questo momento soltanto due miei pazienti lo stanno ricevendo”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA