BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SIRIA/ L'esperto del Vaticano: Francesco sa molto di più di Obama e Putin...

Pubblicazione:

Vladimir Putin e Barack Obama al G20 di Mosca (Infophoto)  Vladimir Putin e Barack Obama al G20 di Mosca (Infophoto)

“I leader degli Stati del G20 non rimangano inerti di fronte ai drammi che vive già da troppo tempo la cara popolazione siriana e che rischiano di portare nuove sofferenze ad una regione tanto provata e bisognosa di pace”. Lo scrive il Papa Francesco in una lettera al presidente russo, Vladimir Putin, nella quale aggiunge: “Troppi interessi di parte hanno prevalso da quando è iniziato il conflitto siriano, impedendo di trovare una soluzione che evitasse l’inutile massacro a cui stiamo assistendo”. Per Vincenzo Buonomo, professore di Diritto internazionale alla Pontificia Università Lateranense e consulente del Pontificio Consiglio Iustitia et Pax, “il Papa comprende che anche se un’opzione militare dovesse avere successo, non sarà sufficiente a dare una risposta ai veri problemi della Siria. Il processo di peace building passa necessariamente attraverso la fase negoziale”.

 

Professor Buonomo, come si spiega questa iniziativa in prima persona di Papa Francesco?

Nella lettera del Papa sono compresi quattro aspetti: un profilo socio-economico; il tema di fame, assistenza sanitaria e cure mediche; il rapporto pace/conflitto, legato a sua volta alla questione dello sviluppo; l’obbligo umanitario. A me ha colpito in modo particolare l’ultimo punto, perché c’è una rilettura di un termine ormai ripetuto in lungo e in largo nelle relazioni internazionali. Il Papa lo utilizza in modo specifico parlando di un obbligo degli Stati e dei governi a intervenire per l’assistenza umanitaria. Il riferimento non è soltanto ai 2 milioni di rifugiati fuoriusciti dal Paese, ma anche al fatto che si contano 3 milioni di sfollati interni, cioè di persone che hanno lasciato il loro villaggio per essere in qualche modo protette da una delle parti in conflitto.

 

Il fatto che il Papa sia intervenuto in prima persona significa che la situazione sta precipitando?

Il Papa ha la percezione di qual è la vera situazione come nessun altro. Il vantaggio diplomatico della Santa Sede consiste nel fatto di non conoscere soltanto le situazioni dal punto di vista geopolitico, ma anche dal punto di vista della popolazione. La presenza della Chiesa cattolica e di un rappresentante pontificio in loco consente di avere informazioni di prima mano.

 

Che cosa può vedere il Papa che è sfuggito ai grandi della terra?


  PAG. SUCC. >