Obama il cristiano

- Lorenzo Albacete

Nel suo discors oa Notre Dame, il presidente ha raccontato come è diventato cristiano, a seguito del suo lavoro di organizzatore in una comunità di aiuto ai poveri

obama_santo_R375

Il presidente Obama è tornato a Washington dopo la sua controversa apparizione all’Università di Notre Dame e l’attenzione della nazione si è spostata su altri argomenti. Per un paio d’ore, domenica scorsa le luci si sono accese su Notre Dame, palcoscenico su cui venivano esposte al pubblico le divisioni nel cattolicesimo americano, probabilmente senza che ciò cambiasse in nulla la situazione preesistente alla visita di Obama (naturalmente, i cambiamenti provocati dall’incontro con Gesù Cristo sono, all’inizio, pressoché invisibili, come la crescita del seme della senape).

 

Il dibattito sull’opportunità di invitare il presidente e di conferirgli la laurea honoris causa continuerà, probabilmente, senza rilievo pubblico. Il problema è che non si tratta di una discussione su cosa significhi essere cristiani, ma di una discussione sulla politica e l’etica. Sotto questo profilo, il discorso del presidente e il suo invito al dialogo offrono qualche spunto per un dibattito teologico, per esempio, il suo riferimento alle conseguenze del peccato originale e la relazione tra fede, dubbio e umiltà (il punto di vista di Obama è quello tipico del liberalismo protestante).

Anche la sua insistenza sulla necessità di trovare un terreno comune per cooperare alla riduzione del numero degli aborti potrebbe portare a una discussione simile al dialogo tra Benedetto XVI e Jurgen Habermas. Sarebbe interessante vedere come Obama reagirebbe alla discussione del Santo Padre nel suo libro su “Verità e tolleranza”. Il presidente ha offerto anche alcune aperture alle preoccupazioni dei cattolici sulla libertà di coscienza e sull’educazione. Sarà importante vedere come ciò si trasformerà in concrete proposte legislative.

Comunque, la parte più importante del suo discorso è stata il suo racconto di come è diventato cristiano, a seguito del suo lavoro di organizzatore in una comunità di aiuto ai poveri. Questo è quanto ha detto: «Può essere perché la gente di chiesa con cui lavoravo era così accogliente e comprensiva, o perché mi invitavano alle loro funzioni e cantavano con me i loro canti religiosi, o forse perché io ero veramente a pezzi e loro mi hanno sostenuto. Forse perché sono stato testimone di tutto il bene che la loro fede li spingeva a compiere, mi sono trovato spinto non solo a lavorare con la Chiesa, ma a essere nella Chiesa. Attraverso questo servizio sono stato portato a Cristo» (non ho sentito gli altri discorsi, ma non sarei sorpreso se questo non fosse stato l’unico momento della manifestazione in cui è stata fatta la distinzione tra conoscere Cristo e ammirare i suoi “valori etici”).

Queste parole del presidente riconoscono il metodo attraverso il quale la fede cristiana si diffonde e porta frutti, cioè attraverso la testimonianza di qualcuno dal quale siamo attratti per la “diversa umanità.” Proprio a questo punto, Obama ha ricordato la testimonianza del Cardinale Joseph Bernardin, arcivescovo di Chicago all’epoca (qualcuno ha considerato la cosa offensiva per l’attuale arcivescovo, che è anche presidente della Conferenza episcopale, ma se Obama incontrasse personalmente il Cardinale George potrebbe accorgersi della continuità tra la testimonianza di Bernardin e le preoccupazioni di George).

Queste parole del presidente offrono la maggiore speranza per il futuro. Rimane nostro compito ricordare che il punto di partenza di ogni cosa che diciamo o facciamo deve essere la fede in Cristo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimi Editoriali

Vedi tutti