Il paradosso di Kristin

- Pierluigi Colognesi

Novant’anni fa Sigrid Undset pubblicava La ghirlanda prima tappa di Kristin figlia di Lavrans importante opera sul valore del cristianesimo

Chiesa_Medioevo_NubiR375
Foto Fotolia

Sono trascorsi novant’anni da quando Sigrid Undset pubblicava La ghirlanda, prima parte di un grande trittico di storia medievale che, assieme alle altre due uscite nel 1921 e l’anno successivo, formeranno Kristin figlia di Lavrans.

 

Come mai la Undset, già abbastanza famosa per romanzi di ambientazione contemporanea, si dedicava al Medioevo? Un grande influsso si deve senz’altro al padre, archeologo e profondo conoscitore della storia medievale della Norvegia, che Sigrid aveva perso quando aveva undici anni. Ma questa spiegazione autobiografica non sembra sufficiente.

Nella cristianizzazione della sua patria, avvenuta nei secoli in cui ambienta la vicenda di Kristin e quella del successivo Olav Audunsson, la Undset vede uno snodo di fondamentale importanza anche per l’attualità. Quello che le interessa analizzare è il passaggio dal paganesimo al cristianesimo, ma non tanto per amore del passato, quanto perché vede chiaramente che nel Novecento si assiste a un pericoloso movimento contrario: l’abbandono del cristianesimo in favore di un nuovo paganesimo.

La questione di fondo riguarda la concezione dell’uomo. La Undset riconosce, attraverso l’analisi storica che diventa poi contenuto narrativo, che la grande novità del cristianesimo è l’indiscusso primato della persona e della sua libera responsabilità. Il senso del peccato che il cristianesimo ha introdotto – e di cui le sue saghe sono intrise – non è una cappa opprimente posta sopra la libera espressione naturale del pagano; anzi, è la liberazione dell’uomo pagano dalla schiavitù di meccanismi impersonali (la vendetta, il clan, gli spiriti più o meno maligni) in vista dell’affermazione fino ad allora inconcepibile della sua personale identità responsabile.

Per la Undset si tratta di una conquista di civiltà di valore incalcolabile. Una conquista che il neo paganesimo moderno mette gravemente in discussione quando sostituisce alla responsabilità personale le colpe dell’imperfetto sviluppo sociale o le necessità del dato psicologico. Ma un uomo privato della sua ultima libera responsabilità, osserva la Undset, è un uomo annegato nel contesto sociale e ultimamente nel potere dominante il momento storico.

PER CONTINUARE L’ARTICOLO CLICCA >> QUI SOTTO

Mentre narra la liberazione che il cristianesimo ha portato in questo ambito all’uomo prima pagano, la Undset constata che la modernità del Novecento sta imponendo modelli sociali di tipo neo pagano, in cui la persona è annullata. Non per nulla la scrittrice è stata una delle prime ad avere il coraggio di denunciare il pericolo liberticida del nazismo.

 

È molto interessante osservare che quando la Undset inizia questo tipo di riflessione, cioè a scrivere la prima parte di Kristin figlia di Lavrans¸ non è ancora cristiana. Da tempo ha abbandonato la tiepida fede protestante della famiglia e si dichiara agnostica. Proprio osservando la novità storica del cristianesimo rispetto al paganesimo antico e a quello di nuovo insorgente, Sigrid Undset torna alla fede; e alla fede cattolica romana, che ai suoi occhi aveva conservato intatto lo slancio con cui i santi medievali avevano evangelizzato la sua patria.

 

Solo nel 1925 la Undset dichiarerà pubblicamente di aver abbracciato la fede cattolica. Da allora dedicherà molti scritti ai santi del Medioevo norvegese. Ma forse in nessuno di quei ritratti troverà gli accenti commossi con cui ha descritto la paradossale santità di Kristin (e forse anche la sua): «Era stata serva di Dio anche se ribelle, restia, infedele nel cuore, con la preghiera falsa sulle labbra; una serva maldestra, insofferente davanti alla fatica, indecisa. Dio aveva voluto lo stesso mantenerla al suo servizio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimi Editoriali

Vedi tutti