Legge sui trans, resistere non basta: cosa fare?

- Fernando De Haro

La disforia è salita alle stelle negli ultimi anni. Occorre capire cosa sia successo prima di pensare a come frenare le leggi sui trans

green pass minorenni
(LaPresse)

La Spagna ha già una legge sui trans che consente il cambio di sesso senza un referto medico. La semplice dichiarazione all’anagrafe serve a realizzare quella che viene chiamata “autodeterminazione di genere”. I minori possono farlo dall’età di 16 anni senza il consenso dei genitori e da 12 anni, se il giudice lo ritiene opportuno. È una legge come quella che ha fatto dimettere la Premier scozzese,il cui contenuto è stato bocciato da Reem Alsalem, la relatrice delle Nazioni Unite sulla violenza contro le donne.

Non è riuscita l’operazione di contenimento, di katechontic, per evitare una regolamentazione palesemente contraria al bene della differenza sessuale. La sconfitta è avvenuta nonostante si potesse contare sul migliore degli alleati possibili: il femminismo, che si è opposto alla “cancellazione delle donne”, e gli stessi socialisti che sono al Governo. In questo tipo di sforzo è ancora possibile contare sul sostegno della sinistra non identitaria. La destra liberale non è un buon alleato. I sostenitori di più e miglior mercato non sono abituati alle questioni antropologiche e culturali. Il cliente ha sempre ragione. Ma anche il femminismo che si occupa di cultura, che ha fatto una critica non reattiva e intelligente, è stato sconfitto.

Ancora una volta ciò che Marx ha detto nel Manifesto del Partito Comunista si è compiuto: “Si volatilizza tutto ciò che vi era di corporativo e di stabile, è profanata ogni cosa sacra”. E ora? La semplice ripetizione della verità sulla differenza sessuale e sull’oggettività dell’identità è praticamente inutile. Farlo è come recitare la Dichiarazione dei Diritti dell’Uomo in sumero. Solo dalla fallita azione di contenimento e resistenza non può emergere alcuna risposta costruttiva. Occorre cercare di capire.

La disforia (il rifiuto dell’identità sessuale biologica) è salita alle stelle negli ultimi anni. In Catalogna, ad esempio, è aumentata del 6.000%. Perché è successo? Una risposta semplice è attribuire il fenomeno alla forza delle lobby trans. Hanno certamente un ruolo decisivo. Ma è una spiegazione troppo semplice.

Ci sono già alcuni primi studi che cercano di rispondere. Alcuni ricercatori propongono di utilizzare l’espressione “disforia a insorgenza rapida”. Forniscono alcuni dati: più del 60% degli adolescenti che vogliono cambiare sesso ha sofferto di un disturbo mentale o di un problema neurale. La metà di coloro che decidono di cambiare sesso si isola dalla propria famiglia e usa solo le informazioni che provengono dal movimento transgender (è qui che entrano in gioco le lobby).

Questi adolescenti che scommettono sull’essere trans appartengono a una generazione che soffre molto. Hanno apparentemente tutto, ma i livelli di ansia e depressione non sono mai stati così alti. In alcuni Paesi, i suicidi in questa fascia di età sono aumentati del 25% e l’autolesionismo è aumentato del 62% tra le ragazze. Senza questa drammatica situazione, il fuoco dei gruppi di pressione non troverebbe legna da bruciare.

Tutti coloro che soffrono, lo sappiamo, cercano una persona responsabile, un colpevole del loro dolore. E per alcuni adolescenti è facile identificare il fatto oggettivo dell’identità biologica come responsabile del loro disagio. Si sentono come Prometei incatenati a un destino contro cui bestemmiano. È una forma di risentimento contro se stessi, contro il “mondo binario”. È un dolore straziante, intollerabile ed è necessario intorpidirlo, liberarsene con un’emozione intensa, più violenta, con un affetto traboccante, un affetto che può essere negativo, che può essere distruttivo.

È inutile predicare in sumero. I padri e le madri, gli educatori, che vivono questa situazione, sanno che serve solo un accompagnamento che sfidi e rispetti la libertà. Serve solo il legame di una comune umanità. E questo non sempre potrà evitare una decisione irreversibile che aumenterà l’insoddisfazione e il dolore. In un caso e nell’altro, prima e dopo, l’immenso dramma, l’urgenza della felicità, attende una risposta comprensibile, sperimentabile.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimi Editoriali

Ultime notizie