48enne entra dal balcone e violenta figlia 11enne dei vicini/ Choc a Frosinone

- Davide Giancristofaro Alberti

Un uomo di 48 anni è stato arrestato dopo aver stuprato una ragazzina di 11 anni, figlia dei vicini di casa: si è intrufolato in casa sua mentre i genitori erano fuori

como
Pixabay

Un uomo di 48 anni è stato arrestato dalla Squadra Mobile della Questura di Frosinone, accusato di aver violentato una ragazzina di soli 11 anni. I fatti risalgono al gennaio 2018 ma solo in queste ore l’uomo è stato fermato dalle forze dell’ordine, che hanno così dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Frosinone. L’uomo era già stato condannato dalla Corte di Appello di Roma per il reato di violenza sessuale aggravata in danno di minore, e dovrà scontare quattro anni in carcere.

La storia è riportata dal giornalista di Rete 4, Gianluigi Nuzzi, con tanto di commento “Ribrezzo”, e nel contempo dal Corriere Adriatico che fornisce alcuni dei dettagli agghiaccianti della vicenda; il 48enne, all’epoca dei fatti 45enne, era entrato nella casa dei vicini, dal balcone, violentando la figlia undicenne mentre i genitori erano fuori casa.

48ENNE VIOLENTA 11ENNE: UN CASO MOLTO SIMILE NEL 2017

La ragazzina ha in seguito confessato tutto alla madre, che poi ha fatto denuncia presso le autorità. L’arrestato si trovava già in regime di detenzione domiciliare con l’applicazione del braccialetto elettronico, e passerà il resto della pena in galera, rivedendo la luce indicativamente nel 2025. Una volta che tornerà in libertà, allo stesso verranno applicate le misure interdittive della restrizione dei movimenti e della libera circolazione, nonché il divieto di avvicinarsi a luoghi frequentati da minori, come ad esempio parchi, oratori, scuole, palestre, e di svolgere lavori che prevedono contatti con i giovani. Una vicenda che ricorda da vicino quanto successo sempre a Frosinone ma nel 2017, quando un ragazzino 11enne venne abusato da un 40enne incensurato, un vecchio amico di famiglia che frequentava quindi spesso la casa, e che invece di dargli lezioni di informatica come stabilito, stuprava il ragazzino filmando poi il tutto. L’uomo era stato in seguito denunciato e poi arrestato.



© RIPRODUZIONE RISERVATA