Abdul-Jabbar: “NBA rimuova dalle squadre i giocatori non vaccinati”/ E attacca Irving

- Dario D'Angelo

Kareem Abdul-Jabbar all’attacco dei giocatori NBA che rifiutano il vaccino: nel mirino anche Irving, stella dei Nets, che rischia di non poter giocare…

abdul jabbar 2021 youtube 640x300

Se i giocatori NBA non sono vaccinati dovrebbero essere rimossi dalla loro squadra. Parola di Kareem Abdul-Jabbar, leggenda della pallacanestro, che ha parlato in un’intervista concessa a Rolling Stone. “L’NBA dovrebbe insistere sul fatto che tutti i giocatori e lo staff siano vaccinati o rimuoverli dalla squadra“, ha insistito l’Hall of Famer, ponendo l’accento sul fatto che in un roster “non c’è spazio per giocatori disposti a rischiare la salute e la vita dei loro compagni di squadra, dello staff e dei tifosi semplicemente perché non sono in grado di cogliere la gravità della situazione” della pandemia “o fare le ricerche necessarie” sulla sicurezza dei vaccini. Abdul-Jabbar è poi intervenuto nel programma del giornalista CNN “Don Lemon Tonight” e ha ribadito: “Non penso che si stiano comportando come buoni compagni di squadra o buoni cittadini. Questa è una guerra in cui siamo coinvolti. E mascherine e vaccini sono le armi che usiamo per combattere questa guerra“.

ABDUL-JABBAR: “NBA RIMUOVA GIOCATORI NON VACCINATI”

Abdul-Jabbar è un ferreo sostenitore dell’importanza di vaccinarsi: lui si è vaccinato in diretta tv e ha fatto parte di un video promozionale per convincere gli americani a fare altrettanto. Allo stato attuale l’NBA non richiede ai giocatori di essere vaccinati contro il Covid-19 per giocare. Tuttavia, gli arbitri, gli allenatori e altro personale che lavora a stretto contatto con i giocatori devono essere completamente vaccinati. Una mossa “game-changer” è stata quella operata dalle città di New York e San Francisco, che hanno richiesto che i giocatori NBA delle loro squadre di casa fossero vaccinati. Tradotto: le stelle delle squadre NBA non vaccinate non potrebbero giocare in quelle città, a meno che non siano esentate dal punto di vista medico o religioso. A questo riguardo sta facendo discutere la situazione del playmaker dei Brooklyn Nets (squadra newyorchese) Kyrie Irving, lunedì fisicamente assente – al contrario dei suoi compagni di squadra – all’annuale media day dei Nets. Irving, che in passato si è reso protagonista di frasi contro il vaccino anti-Covid, non ha fornito risposte sul suo stato di vaccinazione e ha detto di voler “mantenere quella roba privata“. Abdul-Jabbar a questo proposito ha detto di “non poter accettare” queste dichiarazioni: “O capisci cosa sta succedendo e farai la cosa giusta, o non capisci cosa sta succedendo e continuerai a creare tutta questa confusione con la tua posizione“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA