Adriano Occulto, mano rotta sul set/ L’ex de Il collegio: “Non ho ripreso del tutto”

- Elisa Porcelluzzi

Adriano Occulto, ex protagonista della prima edizione de “Il collegio”, si è rotto una mano sul set di un film: “Mi hanno operato, non ho ripreso ancora del tutto”.

Adriano Occulto Instagram 640x300

Adriano Occulto ha partecipato alla prima edizione del reality cult “Il Collegio” di Rai 2. Domani, martedì 27 luglio, il ragazzo compirà 21 anni. Ma avrà un altro motivo per festeggiare. “Mi sono rotto la mano sul set di un film ad aprile. Mi hanno operato e dopo non so quante visite tra fisioterapia a riabilitazione ho l’ultima seduta il giorno del mio compleanno”, ha annunciato ai suoi 329 mila su Instagram Adriano. E ha aggiunto: “Anche se non ho ripreso ancora del tutto, mi sono tolto un peso grandissimo”. Occulto ha deciso di intraprendere la carriera di attore subito dopo la fine del reality show di Rai 2: “Ho fatto una lunga riflessione su quello che avrei voluto fare nel mio futuro lavorativo. Così mi sono detto ‘ora è il momento di rivolgermi ad una agenzia e acquisire una credibilità’, anche perché io voglio fare l’attore nella vita”, ha confessato qualche anno fa a Il Giornale.

Adriano Occulto: quale sarà il suo prossimo film?

Nel suo post Adriano Occulto non rivela molto sul film che ha girato in questi mesi. Forse un film d’azione, visto che si è rotto la mano? Sono solo supposizioni, ma sicuramente il giovane attore molto presto comunicherà ai suoi fan le ultime novità che lo riguardano. Al momento Adriano non è molto attivo sui social, il suo ultimo post risale a dicembre 2019: “Il sole sarebbe più utile se invece che baciare i belli picchiasse gli imbecilli”. In tanti, nei commenti, gli chiedono dove sia finito, visto che non aggiorna il profilo da più di un anno. Sicuramente Adriano si è concentrato sulla sua carriera di attore. Nel 2018 Occulto ha partecipato al film “3+1 giorni per innamorarsi” di Benedetta Pontellini con Marco Bonini, Myriam Catania, Barbara Foria, Francesco Montanari e Maurizio Costanzo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA