Alberto Naponi è morto/ Il Napo di Masterchef Italia 3 si è spento a 74 anni

- Hedda Hopper

Alberto Naponi è morto, perché? Il Napo di Masterchef Italia si è spento a 74 anni, annuncio social della trasmissione qualche ora fa

alberto naponi facebook e1611566459610 640x300

Non sappiamo ancora le cause della sua morte improvvisa, ma quello che sappiamo è che Alberto Naponi è morto e che la famiglia di Masterchef Italia si stringe intorno a parenti e amici dello chef, per piangere la sua dipartita. Uomo colto, educato, mai sopra le righe e sempre spiritoso ma mai offensivo, Alberto Naponi ha conquistato il pubblico della terza edizione del cooking show con i suoi racconti, le sue paperine sparse in tutto il mondo e, soprattutto, i suoi piatti, gli stessi che lo hanno reso celebre e che spesso hanno conquistato i giudici di quella edizione, Bastianich compreso. Da allora sono ormai passati sei anni o oltre ma Naponi è sicuramente uno di questi concorrenti che continuiamo a ricordare con affetto e che ha preso parte anche a qualche ospitata vip anche negli anni seguenti alla sua partecipazione.

Alberto Naponi è morto, perché? Il Napo di Masterchef Italia si è spento a 74 anni

Era il 2014 quando Alberto Naponi ha preso parte a Masterchef Italia 3 arrivando ad un passo dalla finale e finendo fuori a causa dei ricci di mare. Il suo addio su sofferto sia da parte dei suoi compagni di avventura che degli stessi giudici che dovettero dirgli addio. Fu quella un’edizione storica che vide Federico Ferrero vincitore ma che accolse anche elementi come Almo Bibolotti o la stessa Rachida Karrati. Tra loro c’era anche Alberto Naponi, discendete della famiglia cremonese Baresi, storici proprietari di uno dei biscottifici più importanti d’Italia. Questo però non l’ha tenuto lontano dalla sua passione, la cucina, iniziando a lavorare per i ristoranti inventando dolci e in seguito, dopo Masterchef, pubblicando il suo libro dal titolo “La poesia è un risotto all’acciuga: Il mio viaggio nelle meraviglie della cucina e della vita”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA