“Allerta meteo, evitate di mettervi in viaggio”/ Lombroso “State fermi ad ogni costo”

- Davide Giancristofaro Alberti

L’esperto di meteorologia, Luca Lombroso, sottolinea come sia necessario seguire le previsioni del tempo, evitando di mettersi in viaggio con il maltempo, ma…

lombardia allerta meteo arancione
Immagine di repertorio (LaPresse)

E’ preoccupato Luca Lombroso, meteorologo dell’Osservatorio geofisico del dipartimento di ingegneria dell’Università di Modena e Reggio Emilia, preoccupato per via dei disastri che sta causando il maltempo nel nord Europa, a cominciare da Germania e Belgio, ma nel contempo anche dal cambiamento climatico decisamente repentino: “Da almeno vent’anni ci stanno mettendo in guardia sui problemi legati al maltempo – le parole rilasciate ai microfoni di Quotidiano Nazionale – francamente non credevo di arrivare a vedere così in fretta quello che sta succedendo in queste ore. Siamo di fronte a una situazione che mi fa temere che possiamo aver superato un punto critico, una soglia oltre la quale avvengono fenomeni così improvvisi”.

Secondo Lombroso, non è solo colpa del riscaldamento globale, o meglio, non bisogna confondere i vari fenomeni: “È un cambiamento climatico, o più in genere una crisi climatica che innesca una serie di fenomeni intensi ed estremi con cui ci troviamo a far i conti in modo severo. Talora sono le ondate di caldo, aumentate in modo così ponderoso negli ultimi decenni. Talora sono i forti temporali. Non siamo di fronte a una variazione dei fenomeni, ma a delle estremizzazioni di questi fenomeni“. In tal senso possono essere fondamentali le previsioni del tempo, che secondo Lombroso potrebbe permettere di difenderci da questi fenomeni: “Un allerta è un po’ come dire ogni fine settimana: attenzione che se ti metti in viaggio rischi un incidente stradale. Contano le previsioni, ma l’aspetto più difficile da gestire è quello che avviene dopo le previsioni”.

LOMBROSO: “CON IL MALTEMPO NON METTETEVI IN VIAGGIO, SI MUORE PER RECUPERARE L’AUTO”

Le piogge in Germania erano previste, eppure… “Il caso della Germania e del Belgio è un po’ diverso: ci troviamo di fronte a piogge non straordinariamente intense come singola intensità, ma molto prolungate e molto estese. Queste in genere sono ben prevedibili, ma ci si scontra con la realtà e con il comportamento degli abitanti di quelle zone”.

Lombroso sottolinea come la maggior parte delle vittime durante le alluvioni è causata dalla “difesa” della propria auto: “Cercare di salvare un bene economico come l’auto è una delle cose più pericolose che causa il maggior numero di vittime durante le alluvioni e i temporali intensi o nevicate o venti impetuosi. Eppure noi abbiamo la tendenza a salvare prima l’auto che noi stessi”. Quindi l’esperto lancia un appello: “Dobbiamo metterci in testa che in caso di maltempo, come quello in Germania e in Belgio, l’unica cosa da fare è fermarsi. Ma stare fermi e rinunciare a viaggiare ha un costo”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA