Ana, sorella di Maradona contro le figlie Dalma e Giannina/ “Hanno abbandonato Diego”

- Anna Montesano

Ana Maradona attacca Dalma e Giannina, figlie del campione: “Hanno abbandonato Diego. Stiano zitte e si dimentichino di noi!”

diego maradona
Wada, nuove regole su doping e droga - Diego Armando Maradona (Foto LaPresse)

Diego Armando Maradona è morto lo scorso 25 novembre ma da oltre 10 giorni continua ad essere uno degli argomenti più chiacchierati e cliccati sul web. La sua morte ha acceso i riflettori sugli amori, i figli, la sua vita instabile e, soprattutto, la sua eredità. Tante le polemiche sorte in questi giorni. Tra queste anche quelle di Ana, sorella di Maradona, contro le nipoti Dalma e Giannina. Secondo la donna, le due ragazze avrebbero abbandonato il padre negli ultimi tempi e, dunque, quando ne aveva più bisogno. “Io non ho mai chiesto denaro, altrimenti a quest’ora avrei un condizionatore in casa, invece dei debiti – ha detto Ana Maradona all’emittente Canal 13, come riporta l’Ansa -. I miei figli e quelli delle mie sorelle non hanno mai vissuto grazie a Diego. Lui era generoso, ci regalava qualcosa, ma non lo usavamo per vivere.”

Ana Maradona contro Dalma e Giannina: “Stiano zitte e si dimentichino di noi!”

Ana Maradona è furiosa con Dalma e Giannina. “Quelle persone stiano zitte e si dimentichino di noi”, ha aggiunto la donna nel corso del suo lungo sfogo. “Noi sì che siamo addolorate – ha detto ancora la sorella di Maradona -, e i soldi non ci interessano perché, come ho già detto, non abbiamo vissuto grazie a lui. Invece loro senza di lui sarebbero state il nulla, se fossero state figlie di un Juan Perez chi avrebbe saputo di loro? Comunque sono Dalma e Giannina ad essere contro di noi, noi non abbiamo nulla contro di loro”. Accuse pesanti alle quali potrebbero presto arrivare le repliche delle due figlie avute da Diego con Claudia Villafane. Secondo Ana, infine, la cosa peggiore è stata che “Diego era stato abbandonato dalle figlie, quando sono venute a vederlo? Mai, e questo possiamo provarlo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA