ATLETA UCCISA DA FULMINE IN ALTO ADIGE/ 45enne folgorata alla Suedtirol Ultra Skyrace

- Dario D'Angelo

Un’atleta norvegese è stata uccisa da un fulmine mentre prendeva parte ad una gara di corsa in montagna di 121 km con partenza e arrivo a Bolzano.

controllore picchiato padova immigrato
Immagine di repertorio (Pixabay)

Tragedia durante la Suedtirol Ultra Skyrace, gara di corsa in montagna di 121 chilometri con partenza e arrivo a Bolzano: un’atleta è stata infatti uccisa da un fulmine abbattutosi sul percorso durante un forte temporale. Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, l’episodio sarebbe avvenuto intorno alle ore 19:15 di oggi, sabato 27 luglio 2019, nei pressi del lago di San Pancrazio, a 2.100 metri di quota, sulle montagne tra la val Sarentino e la val Passiria. Subito sul posto sono arrivati i soccorsi che hanno dato vita ad una corsa contro il tempo per tentare di salvare l’atleta rimasta folgorata. Non sono serviti gli interventi del soccorso alpino e dell’elisoccorso Pelikan 1: la donna è deceduta in ospedale a Bolzano.

ATLETA UCCISA DA FULMINE IN ALTO ADIGE

Le generalità dell’atleta morta fulminata durante la Suedtirol Ultra Skyrace non sono state ancora rese note dall’organizzazione di corsa o dall’ospedale. Per il momento si sa soltanto che la vittima è una donna di 45 anni di nazionalità norvegese. Come riportato dall’ANSA, il temporale abbattutosi sulle montagne tra la val Sarentino e la val Passiria arriva dopo un periodo di caldo estremo. Ma è da giovedì che in Alto Adige il tempo è cambiato radicalmente con forti temporali, che hanno anche causato smottamenti e la caduta di alberi. Tra le caratteristiche di questi episodi di maltempo verificatisi nella zona negli ultimi giorni anche un record di fulmini che alla luce della tragedia che ha colpito l’atleta inquietante deve forse spingere a riflettere se le condizioni di sicurezza per i partecipanti alla competizione fossero garantite.



© RIPRODUZIONE RISERVATA