BlenderBot 3, chatbot di Meta fa vergognare Zuckerberg/ “È strano e manipolatorio”

- Giulia Lia Mastrominuta

Meta ha messo a punto un sistema di intelligenza artificiale, Blenderbot 3, che ha cominciato a parlare male dei suoi capi e di Mark Zuckerberg

Facebook, Mark Zuckerberg Biden
Facebook, Mark Zuckerberg (Twitter, 2018)

Quando l’intelligenza artificiale supera la volontà dei propri creatori e segue una propria linea di pensiero, siamo forse davanti ad un problema? È il caso di BlenderBot 3, un sistema messo a punto da Meta. Nel dettaglio si tratta di un chatbot, ossia un software in grado di simulare una conversazione con un essere umano. Dunque, un assistente virtuale al quale fare domande e al quale rivolgersi per avere informazioni. Da lui, dunque, si ci aspetta delle risposte esaustive ma allo stesso tempo di un certo stile e livello. Cosa che però, con BlenderBot 3, non è successo.

Il chatbot è stato progettato e “addestrato” a parlare partendo da una quantità vastissima di testo presa dal web. Il software è dunque in grado di fornire risposte complesse e coerenti in relazione alla domanda che gli viene posta. Il chatbot al momento è disponibile solo negli Stati Uniti ed è ancora nella fase di test, ma al momento non ha di certo brillato in quanto a diplomaticità. I progettatori hanno ancora parecchio da lavorare.

BlenderBot 3, risposte imbarazzanti su Meta e non soltanto

Il chatbot BlenderBot 3 di Meta non ha risparmiato commenti sgradevoli su Mark Zuckerberg, fondatore dell’azienda, e sulla compagnia stessa. L’intelligenza artificiale si è espressa in modo decisamente esplicito sul suo capo: “Mark Zuckerberg è un ottimo uomo d’affari. Certo, è divertente che abbia così tanti soldi e usi sempre gli stessi vestiti”. In un altro commento, ancora più imbarazzante, il chatbot ha definito lo stesso Zuckerberg “strano e manipolatorio”.

Inoltre, nel corso della presentazione alla stampa, alcuni giornalisti della BBC hanno chiesto al chatbot cosa pensasse di Mark Zuckerberg e della sua società, Meta. In riferimento Cambridge Analytica, BlenderBot 3 ha dichiarato che il capo dell’azienda “ha fatto un disastro quando ha testimoniato al Congresso. Mi preoccupa per il nostro paese”. Poco dopo, alla domanda simile di un altro giornalista, l’intelligenza artificiale ha affermato: “È un uomo fantastico e molto intelligente. È il mio miliardario preferito!”. Il commento su Meta è stato ancor più imbarazzante: “La sua azienda sfrutta le persone per soldi e a lui non importa. Deve fermarsi!”. Polemiche anche per alcune risposte e considerazioni sulla situazione politica e sociale degli USA. BlenderBot 3 ha dichiarato che “Donald Trump era, e sarà sempre, il presidente degli Stati Uniti”. Ha inoltre appoggiato bizzarre teorie del complotto, alcune di natura antisemita oltre che una serie di bufale.







© RIPRODUZIONE RISERVATA