BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA, DATI 20 GENNAIO/ 1.876 casi, tasso positivi al 4.8%

- Alessandro Nidi

Bollettino Coronavirus Lombardia, dati 20 gennaio: nelle ultime 24 ore sono stati scoperti 1.876 nuovi casi a fronte di 38.593 tamponi

rimpasto lombardia
Attilio Fontana, governatore di Regione Lombardia (Foto LaPresse)

Scopriamo insieme il nuovo bollettino coronavirus della Lombardia, il report aggiornato ad oggi, mercoledì 20 gennaio 2021. Nelle ultime ore sono stati scoperti 1.876 nuovi su 38.593 tamponi processati. I dati sono in aumento rispetto a ieri, quando erano stati segnalati 930 contagi, ma a fronte di 24.129 test analizzati, tenendo conto anche dei test rapidi antigenici oltre ai tamponi molecolari (computo dei tamponi totali da inizio pandemia pari a 5.272.645). Il rapporto test/positivi è pari al 4.8% in linea con la media nazionale. Purtroppo cresce il dato dei decessi nelle ultime 24 ore, 66 morti segnalati dalla Regione Lombardia contro i 45 invece comunicati nella giornata di ieri, per un totale dallo scorso 21 febbraio pari a 26.405.

Per quanto riguarda invece la situazione ospedaliera, crescono i letti occupati nei nosocomi regionali, con 31 ricoveri in più nei reparti di degenza normale (totale 3.650), e 3 in più invece in terapia intensiva, dove al momento troviamo 428 persone ricoverate con sintomi gravi da covid. Le persone che sono risultate essere guarite/dimesse nelle ultime 24 ore sono state 1.573, mentre a livello di città con maggiori infetti segnaliamo Milano con 434 casi, seguita da Brescia a quota 373, e Varese con 199. Spazio quindi a Como, Mantova, Monza, Pavia, Bergamo, Cremona, Sondrio, Lodi e infine Lecco, con soli 16 casi segnalati. (aggiornamento di Davide Giancristofaro)

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA DATI 20 GENNAIO, PRESENTATO RICORSO TAR ZONA ROSSA

Si inaugura il terzo giorno della settimana e, come in tutto il Paese, anche in Lombardia è tempo di focalizzare l’attenzione sui nuovi dati relativi alla pandemia: un’operazione che sarà possibile effettuare tra le 17 e le 18 di oggi, mercoledì 20 gennaio 2021, per mezzo del bollettino Coronavirus regionale, che renderà di dominio pubblico le statistiche inerenti all’andamento epidemiologico in quella che, alla data odierna, rimane la regione più bersagliata dal Covid-19. Per quanto concerne le statistiche di martedì, sono stati 930 i nuovi positivi rilevati, a fronte di 24.129 tamponi effettuati. Sul fronte dei morti si sono registrati 57 nuovi decessi (in crescita rispetto a lunedì, quando erano stati 45). Positiva anche la situazione riguardante i ricoveri negli ospedali, con 24 posti letto occupati in meno nei reparti di terapia intensiva (ieri il saldo era stato negativo di 3), per un totale di 425 persone gravi ricoverate. Nei reparti di degenza normale, invece, i ricoveri sono aumentati di 66 unità, per un totale di 3.619. Infine, bene anche il dato relativo ai guariti/dimessi (976).

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA: PRESENTATO IL RICORSO AL TAR CONTRO LA ZONA ROSSA

Come preannunciato, la Lombardia ha presentato ricorso al Tar contro le restrizioni decretate dal ministero della Salute, che ha inserito in zona rossa la regione. A confermarlo è stato il governatore, Attilio Fontana, nell’ambito del consiglio regionale, nel quale ha ribadito come l’assegnazione dell’area più ad alto rischio alla Lombardia rappresenti un ostacolo “fortemente e ingiustamente penalizzante”. Fontana ha poi affermato: Abbiamo chiesto al ministro di rivedere i parametri che regolano questa decisione, così impattante sulla vita dei nostri cittadini e delle nostre imprese. È oggettivamente evidente che la Lombardia e i lombardi hanno fatto, e stanno facendo, la loro parte con responsabilità e spirito di sacrificio”. La Giunta lombarda contesta soprattutto la grande considerazione riservata all’indice Rt, “parametro strutturalmente in ritardo e non è accettabile, visto che ci sono regioni che hanno 360 di incidenza e sono in zona arancione e regioni, come la Lombardia, che hanno un’incidenza di 130 e sono in zona rossa”.

BOLLETTINO CORONAVIRUS LOMBARDIA 19 GENNAIO



© RIPRODUZIONE RISERVATA