BOLLETTINO CORONAVIRUS ITALIA 20 NOVEMBRE/ Ministero Salute: +11.555 casi e 49 morti

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino coronavirus in Italia, i dati del Ministero della Salute di oggi 20 novembre 2021: +11.555 casi e 49 morti, tasso di positività al Covid resta stabile al 2%

coronavirus covid Italia 14 lapresse1280 640x300
LaPresse

Continuano a salire i casi di coronavirus in Italia, che ormai è nella quarta ondata Covid. Sono 11.555 i contagiati nelle ultime 24 ore a fronte di 578.610 tamponi. Questi i primi dati del nuovo bollettino diffuso dal Ministero della Salute oggi, sabato 20 novembre 2021, che conferma il tasso di positività al 2%. Gradualmente il nostro Paese si avvicina ai 5 milioni di casi dall’inizio della pandemia Covid, visto che è a quota 4.915.981. In leggero calo il numero dei morti: sono 49 quelli finiti nel bollettino, nel complesso 133.131. Per quanto riguarda i guariti, sono 5.220, di conseguenza in totale 4.639.449. Quindi, le persone attualmente positive al coronavirus in Italia sono 143.401, di cui 138.639 in isolamento domiciliare.

Per quanto riguarda la situazione negli ospedali, sono 4.250 i ricoverati nelle aree mediche Covid (+105), mentre in terapia intensiva i malati restano 512 (+0), ma ci sono 50 ingressi giornalieri. Passiamo alla ripartizione dei casi per regione: Lombardia e Veneto viaggiano verso i duemila casi giornalieri, visto che ne registrano rispettivamente 1.930 e 1.928. Invece sono 1.079 nel Lazio e 1.055 in Emilia-Romagna. La Campania, infine, poco sotto quota mille con 983 contagi. (agg. di Silvana Palazzo)

BOLLETTINO CORONAVIRUS, ATTESI DATI 20 NOVEMBRE

Il bollettino coronavirus del ministero della salute di oggi, sabato 20 novembre 2021, sarà comunicato come sempre nel tardo pomeriggio. Dopo le 17:00 scopriremo come sarà evoluta la curva dei contagi, in una giornata che sarà caratterizzata anche dall’ufficializzazione delle colorazioni delle regioni, a seguito della cabina di regia e del consueto monitoraggio di ieri. In attesa di scoprire “i verdetti”, rivediamo brevemente il bollettino di ieri, quando i nuovi casi emersi sono stati in totale 10.544, a fronte di 534.690 tamponi processati, sia antigenici che molecolari, per un tasso di positività quindi pari al 2 per cento, in salita rispetto alle 24 ore precedenti.

Continua la crescita negli ospedali, anche se gli incrementi di pazienti restano contenuti, e ad oggi troviamo 512 ricoverati in terapia intensiva, numero cresciuto di 9 unità, e altri 4.145 invece in area medica, dato che è aumentato di 57 allettati. Anche ieri il livello delle vittime è stato sotto la soglia delle 50, precisamente 48, per un totale da febbraio 2020 pari a 133.082. Infine segnaliamo i contagi della Lombardia, leggasi 1.735 (qui il bollettino regionale).

CORONAVIRUS ITALIA: IL COMMENTO DELLA GELMINI

Il governo, alla luce dei contagi in risalita, sta valutando nuove misure restrittive, ma queste, stando a quanto spiegato nella giornata di ieri dalla ministra per gli affari regionali, Mariastella Gelmini, non dovrebbero riguardare i vaccinati. Le regioni hanno chiesto restrizioni infatti per i non vaccinati, cosa che la Gelmini trova “personalmente la ritengo di buon senso”.

Quindi la forzista ha aggiunto: “Il governo è vicino alle Regioni, di cui comprendiamo le preoccupazioni, che sono anche le nostre. In Italia la situazione al momento non è così grave ma i numeri dei contagi e dei ricoveri non ci fanno stare tranquilli. Pesano i non vaccinati. Stiamo monitorando la situazione, al momento non ci sono restrizioni in vista. Se fossimo costretti a cambi di colore, e quindi a delle restrizioni, non si può penalizzare l’85% di italiani che si sono vaccinati”. La prossima settimana si terrà una riunione con i governatori.





© RIPRODUZIONE RISERVATA