Bollettino vaccini covid oggi 2 luglio/ L’83.4% della popolazione ha la terza dose

- Davide Giancristofaro Alberti

Bollettino vaccini covid oggi 2 luglio 2022: facciamo il punto sulla campagna di vaccinazione in Italia. Le quarte dosi si sono portate a quota 913mila

coronavirus covid vaccino 20 lapresse1280 640x300
(LaPresse)

E’ stato comunicato pochi minuti fa il nuovo bollettino vaccini covid di oggi, 2 luglio 2022, il classico report che fotografa l’andamento della campagna vaccinale in Italia. A poco più di 18 mesi, un anno e mezzo, dall’avvio delle somministrazioni (era il 27 dicembre del 2020), il numero totale di dosi di vaccino inoculate è giunto a quota 138.2 milioni, per un incremento di più o meno 50mila dosi rispetto al bollettino vaccini covid di ieri, che trovate qui.

Le quarte dosi sono salite oggi a quota 913.998, mentre il numero delle terze dosi è giunto oggi a 39.7 milioni, esattamente l’83.4 per cento del totale della popolazione vaccinabile. In merito invece alla fascia di età più giovane, leggasi quella di 5-11 anni, i vaccini totali somministrati sono stati 1.2 milioni per quanto riguarda coloro che hanno ricevuto le prime due dosi, completando il ciclo vaccinale, e altri 1.3 milioni invece inerenti ai bimbi che hanno fatto solo la prima dose.

BOLLETTINO VACCINI COVID OGGI 2 LUGLIO: LO STUDIO SULL’OBESITA’

E a proposito di vaccino anti covid, nelle scorse ore è emerso uno studio pubblicato sull’autorevole rivista scientifica The Lancet Diabetes and Endocrinology in cui si parla del siero anti covid in relazione al peso corporeo delle persone. Da un’indagine effettuata su più di 9 milioni di persone, con 566mila casi registrati fino a novembre 2021 (variante Delta), 33mila ricoveri e 14mila decessi, è emerso che il peso non influisce sull’efficacia o meno del vaccino.

In poche parole, se si è grassi o magri, la protezione fornita del vaccino è la stessa. Vero anche però, che le persone affette da obesità, una malattia che porta ad accumulare moltissimo grasso corporeo, sono più esposte al virus e quindi maggiormente a rischio. Ecco perchè, alla luce di questi dati scientifici molto accurati, le persone che sono in sovrappeso dovrebbero essere fra le prime a sottoporsi a vaccinazione anti covid, sostengono gli addetti ai lavori.







© RIPRODUZIONE RISERVATA