Bollettino vaccini covid oggi 8 maggio/ 23.1 mln di dosi somministrate, 7.1 immuni

- Davide Giancristofaro Alberti

E’ tempo di aggiornare la campagna di vaccinazione italiana con il bollettino vaccini covid di oggi, sabato 8 maggio 2021. Scopriamo insieme tutti i numeri

pfizer
Vaccini anti-Covid: Pfizer e Moderna (LaPresse, 2021)

Vi presentiamo il bollettino vaccini Covid di oggi, sabato 8 maggio 2021, il quotidiano report che mostra l’andamento della campagna vaccinale anti coronavirus in Italia, che ricordiamo, é scattata precisamente lo scorso 27 dicembre 2020. In poco più di quattro mesi, dopo qualche problema iniziale, le vaccinazioni hanno iniziato ad essere effettuate a ritmo serrato e ad oggi sono arrivate a quota 23.1 milioni (+500.000 circa qui il bollettino di ieri). Gli immuni, quelli già sottoposti anche alla dose di richiamo, sono invece arrivati a quota 7 milioni, altro dato che fa ben sperare in vista di un raggiungimento celere dell’immunità di gregge.

Le donne che hanno ricevuto il vaccino sono 13.1 milioni contro i 10 milioni di uomini, mentre le dosi giunte nel nostro paese sono in totale 26.9 milioni, distribuiti fra 17.7 milioni dì Pfizer, 6.5 di Astrazeneca, 2.2 di Moderna e infine 336.800 di Johnson & Johnson. Per quanto riguarda le categorie invece, gli over 80 vaccinati sono in totale 6.5 milioni, mentre gli operatori sanitari o e i soggetti fragili sono arrivati rispettivamente a quota 3.3 e 4.1 milioni

BOLLETTINO VACCINI COVID OGGI 8 MAGGIO

La campagna vaccinale sta quindi proseguendo in maniera spedita, ma secondo Massimo Galli, direttore del Reparto di Malattie Infettive all’ospedale “Sacco” di Milano, si potrebbe fare di più, cosa tra l’altro con cui è d’accordo anche il professor Sebastiani: “La situazione è tendente al bello – le sue parole pubblicate da Skytg24.it – ma statica e con episodi che procurano elementi di preoccupazione. Bisogna accelerare la campagna di vaccinazione – ha quindi specificato Galli -, le somministrazioni sono un po’ al di sotto del previsto: dobbiamo colmare un disavanzo rispetto alla situazione britannica di oltre 30 milioni di dosi somministrate e l’aritmetica non è una opinione: anche a mezzo milione di somministrazioni al giorno, ci vogliono 60 giorni”. Galli ha quindi citato i risultati di uno studio molto interessante: “Dai risultati di uno studio condotto in Qatar, emerge che il vaccino Pfizer è efficace al 97,4% contro i casi gravi di Covid, contro il rischio cioè di finire in terapia intensiva o al cimitero. 14 giorni dopo il richiamo il vaccino Pfizer è efficace all’89,5% contro la variante inglese e al 75% contro la variante sudafricana”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA