Bonus terme 2021, come richiederlo?/ Sconti fino a 200 euro: requisiti e click day

- Alessandro Nidi

Bonus terme 2021, chi ne ha diritto e come fare domanda? Rimborsi dei servizi al 100% sino a un massimo di 200 euro

terme Saturnia Pixabay 640x300
Terme di Saturnia (foto: Pixabay)

Bonus terme 2021, ci siamo: il decreto attuativo, sottoscritto dal ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, ha trovato pubblicazione in Gazzetta ufficiale e, dunque, si conoscono ora i termini relativi a tale misura, ideata appositamente per incentivare l’acquisto da parte dei cittadini di servizi termali presso gli stabilimenti accreditati, riconoscendo un bonus in grado di coprire sino al 100% del servizio acquistato, per un valore massimo di 200 euro (in caso di importi superiori, l’eccedente dovrà essere pagato regolarmente dal cliente).

Non si conoscono ancora i nominativi delle località termali che aderiranno all’iniziativa, ma presto l’elenco sarà pubblicato online e le richieste saranno effettuabili mediante il sito internet di Invitalia. Come spiega “Il Corriere della Sera”, lo stanziamento complessivo previsto per il bonus è pari a 53 milioni di euro (risorse ad esaurimento), con un vero e proprio click day che si paleserà quando saranno aperte le prenotazioni.

BONUS TERME 2021, CHE COS’È E CHI NE HA DIRITTO?

Il bonus terme 2021, come avrete intuito, è pertanto un’agevolazione della quale il cittadino può beneficiare mediante la prenotazione di alcuni servizi termali. Come fare richiesta? La prenotazione, ricorda il “Corriere”, dovrà essere effettuata presso lo stabilimento termale accreditato, che rilascerà un attestato della stessa, che avrà 2 mesi di validità dal giorno della sua emissione. “L’ente termale presso il quale il cittadino ha fruito i servizi termali – scrive il Miseprovvederà a richiedere a Invitalia, mediante apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino”.

“Il bonus terme – si legge sul medesimo portale – si rivolge a tutti i cittadini maggiorenni residenti in Italia, senza limiti di Isee e senza limiti legati al nucleo familiare”. Però, non saranno concessi “bis” di alcun tipo; infatti, ogni singolo cittadino potrà usufruire di un solo bonus e, come da decreto, esso non sarà cedibile a terzi, né a titolo gratuito né in cambio di un corrispettivo in denaro. Nei prossimi giorni dovrebbero registrarsi ulteriori novità su questo fronte, con dettagli maggiori circa le location che aderiranno a questo progetto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA