Borgonovo vs Fusani, lite in tv “Dici baggianate”/ “Smettila, mi alzo e me ne vado!”

- Davide Giancristofaro Alberti

Borgonovo vs Fusani, lite in tv “Dici baggianate”. Scontro in diretta tv a Zona Bianca sul Green Pass, fra i due giornalisti: le loro posizioni

borgonovo fusani 2021 zonabianca 640x300
Borgonovo vs Fusani, scontro a Zona Bianca

Duro scontro in diretta tv, durante la puntata di ieri sera di Zona Bianca, fra il giornalista de La Verità, Francesco Borgonovo, e la collega Claudio Fusani. Argomento di dibattito, il Green Pass, il passaporto vaccinale per cui le posizioni dei due “contendenti” sono diametralmente opposte. “Io inviterei i democratici – spiega la Fusani lanciando frecciatine al collega – a far parlare in maniera di fare un discorso completo. Il green pass serve perchè negli ultimi dieci giorni abbiamo avuto tre milioni di vaccinati in più, quindi il green pass è utile a quello, serve anche perchè crea uno schermo in più. Tutti noi qui, tranne qualcuno, sta facendo un uso politico e strumentale del green pass che fa vomitare”.

Quindi Cruciani, anch’egli in studio, replica: “Ma la discussione è politica”. Quindi la Fusani riprende la parola: “Obbligo? E’ l’ultima cosa che deve essere fatta, finche si può si deve convincere, persuadere, creare ostacoli, e l’obbligo è l’ultima cosa io voglio vedere, l’obbligo no”. Quindi di nuovo Cruciani: “Col green pass non fai entrare i ragazzini dei 14anni ai ristoranti?”, e la Fusani si infervora: “Non mi devi urlare in faccia non siamo alla tua radio, io non posso parlare con queste persone. non sono riuscita a concludere. l’obbligo deve essere proporzionato e attento, è l’ultima cosa da fare, siamo nella democrazia e ci vuole la persuasione fino in fondo, credo nell’intelligenza della persone, sono stati scaricati 45 milioni di green pass quindi gli italiani sono intelligenti”.

BORGONOVO VS FUSANI: “COL GREEN PASS MENO SICURI CHE CON IL TAMPONE”

Poco dopo gli animi si sono nuovamente scaldati: “Col green pass diciamo alla persone che sono sicuri – ha ripreso la parola Borgonovo – non è vero, noi col green pass avremo una situazione peggiore rispetto a prima”. Quindi la Fusani da sotto commenta: “Sento il rumore delle unghie” e a quel punto il giornalista de La Verità è esploso: “Va bene parla tu, fai la dittatura tu, arrangiati, dì quello che vuoi e parla da sola, ciao ciao, questa è la democrazia che vuoi tu, insulti le persone”.

La replica: “Sei molto permaloso, stai cercando di mettere in un foglio a quadretti un evento che nessuno sa gestire”. La controreplica: “Non hai ascoltato nessuno, hai preteso di parlare, questo è l’atteggiamento dominante, non ha lasciato dire alle persone le argomentazioni”. E ancora: “Uno non vaccinato ma con il tampone negativo è più sicuro di uno che è stato vaccinato, bisogna dirlo, ci si pensa solo a essere libero e andare a giro magari può contagiare, questo è il punto, non sono io o le baggianate che dice la Fusani”. E la giornalista ha replicato: “Adesso però la devi smettere, la devi smettere, punto, se no io mi alzo e vado via”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA