BORSA ITALIANA OGGI/ Chiusura a +0,81%, Cnh Industrial a +3,37% (15 ottobre 2021)

- Lorenzo Torrisi

Borsa italiana news. Piazza Affari chiude in rialzo. Sul listino principale bene Tenaris e Cnh Industrial. Male invece Bper. Gli aggiornamenti sulle azioni più importanti

borsa italiana
Piazza Affari, la Borsa di Milano (LaPresse)

PIAZZA AFFARI, LA CHIUSURA

La Borsa italiana chiude in rialzo dello 0,81% e sul listino principale troviamo in rosso A2A (-0,46%), Amplifon (-0,26%), Atlantia (-0,68%), Bper (-1,41%), Enel (-0,3%), Hera (-0,74%), Interpump (-0,08%), Moncler (-0,03%), Poste Italiane (-0,6%), Prysmian (-0,03%), Recordati (-0,12%), Telecom Italia (-1,06%) e Terna (-0,29%). I rialzi più significativi sono quelli di Azimut (+1,11%), Banca Generali (+1,3%), Banca Mediolanum (+0,51%), Banco Bpm (+0,96%), Buzzi (+1,45%), Campari (+1,37%), Cnh Industrial (+3,37%), Diasorin (+0,67%), Eni (+1,9%), Exor (+1%), Ferrari (+1,51%), Fineco (+1,34%), Intesa Sanpaolo (+2,04%), Inwit (+0,8%), Leonardo (+0,87%), Mediobanca (+1,15%), Nexi (+1,01%), Stellantis (+1,05%), Tenaris (+3,13%), Unicredit (+0,77%) e Unipol (+1,2%). Il cambio euro/dollaro resta a quota 1,16, così come lo spread tra Btp e Bund rimane sopra i 103 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 15:55

La Borsa italiana sale dello 0,9% e sul listino principale troviamo in rosso A2A (-0,5%), Amplifon (-0,5%), Atlantia (-0,8%), Bper (-0,1%), Diasorin (-0,9%), Enel (-0,1%), Hera (-0,9%), Poste Italiane (-0,4%), Prysmian (-0,2%), Recordati (-0,6%), Telecom Italia (-1,1%) e Terna (-0,3%). I rialzi più significativi sono quelli di Azimut (+1,3%), Banca Generali (+1,2%), Banca Mediolanum (+0,6%), Banco Bpm (+2,6%), Buzzi (+1,5%), Campari (+0,8%), Cnh Industrial (+3,4%), Eni (+1,6%), Exor (+0,8%), Ferrari (+1,7%), Fineco (+2,2%), Intesa Sanpaolo (+2,6%), Italgas (+0,6%), Leonardo (+0,6%), Mediobanca (+1,8%), Nexi (+0,5%), Pirelli (+0,5%), Saipem (+0,7%), Stellantis (+1,4%), Tenaris (+3,5%), Unicredit (+1,4%) e Unipol (+1,1%). Il cambio euro/dollaro scende a quota 1,16, mentre lo spread tra Btp e Bund resta sopra i 103 punti base.

PIAZZA AFFARI, AGGIORNAMENTO DELLE ORE 9:40

La Borsa italiana guadagna lo 0,6% e sul listino principale troviamo in rosso A2A (-0,9%), Amplifon (-0,7%), Enel (-0,3%), Generali (-0,1%), Hera (-0,6%), Interpump (-0,8%), Italgas (-0,2%), Pirelli (-0,1%), Recordati (-0,3%), Saipem (-0,3%), Telecom Italia (-0,8%) e Terna (-0,3%). I rialzi più significativi sono quelli di Banca Generali (+0,6%), Banco Bpm (+2%), Bper (+0,7%), Buzzi (+0,9%), Campari (+0,7%), Cnh Industrial (+2,6%), Eni (+0,7%), Exor (+1,1%), Ferrari (+1,3%), Fineco (+1,3%), Intesa Sanpaolo (+1,4%), Inwit (+0,7%), Leonardo (+1%), Moncler (+0,8%), Nexi (+0,8%), Stellantis (+0,6%), Tenaris (+1,7%), Unicredit (+1,1%) e Unipol (+0,8%). Il cambio euro/dollaro si trova sopra quota 1,16, mentre lo spread tra Btp e Bund supera i 103 punti base.

PIAZZA AFFARI PROVA A TENERE I 26.000 PUNTI

Nella giornata di oggi sono previsti in diffusione alcuni dati macroeconomici rilevanti. Alle 8:00 conosceremo il numero di auto immatricolate in Europa a settembre. Alle 8:45 sapremo l’inflazione francese di settembre. Alle 10:00 arriverà anche quella italiana relativa allo stesso mese. Alle 10:30 la Banca d’Italia fornirà un aggiornamento sul livello raggiunto dal debito pubblico. Alle 11:00 l’Istat diffonderà il saldo della bilancia commerciale di agosto. Alla stessa ora avremo l’analogo dato a livello europeo. Alle 14:30 dagli Usa arriveranno le vendite al dettaglio di settembre, l’indice dei prezzi all’importazione di settembre e l’Empire State Index di ottobre. Alle 16:00 toccherà all’Indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan e relativo al mese di ottobre e alle scorte industriali di agosto.

A mercati chiusi è previsto l’aggiornamento del rating sul debito sovrano francese da parte di Dbrs. Da Wall Street è attesa la trimestrale di Goldman Sachs. Ieri Piazza Affari ha chiuso in rialzo dell’1,23% a 26.277 punti. Sul listino principale si è messo in luce Banco Bpm con un +4,4%. Superiori ai due punti percentuali anche i rialzi di Atlantia (+2%), Buzzi (+2,3%), Ferrari (+2,3%), Fineco (+3,7%), Interpump (+2,9%) e Nexi (+2,8%). Chiusura in rosso solamente per Leonardo (-7%) e Unipol (-0,2%). Lo spread tra Btp e Bund è sceso sotto i 101 punti base.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI





© RIPRODUZIONE RISERVATA