Boy Scout: risarcimento record per vittime abusi/ 850 milioni a 60mila persone

- Davide Giancristofaro Alberti

Circa 60mila persone riceveranno un totale di 850 milioni di dollari come risarcimento da parte di Boy Scout America: la condanna dopo le accuse di abusi sessuali

boyscout_2018_instagram
Cambio di nome per i Boyscout americani - Instagram

I Boy Scouts of America dovranno pagare 850 milioni di dollari. Questa la cifra enorme che la nota organizzazione dovrà elargire a più di 60mila persone, quelle che avevano citato in causa proprio gli stessi Boy Scouts con le gravissime accuse di abusi sessuali nel passato. Quando il trasferimento di denaro verrà portato a termine si tratterà della maggiore intesa finanziaria mai portata a termine sul suolo degli Stati Uniti in quanto a patteggiamento per abusi sessuali, così come specificati dagli avvocati dell’accusa, citati dal network britannico Bbc. Secondo quanto specificato dall’Adnkronos, a far causa sarebbero state in totale ben 82mila persone, e ognuno riceverà circa 10mila dollari a testa, per un processo che i legali hanno definito come “il più grande scandalo di abusi sessuali d’America”.

Un’enorme vicenda che aveva obbligato la stessa Bsa, la Boy Scouts of America, a dichiarare istanza di fallimento un anno fa, nel 2020, alla luce anche delle spese legali e dei compensi da elargire. Jordan Merson, avvocato dei querelanti, ha commentato la sentenza dopo la condanna da 850 milioni di dollari “Nessun accordo avrebbe mai reso giustizia a pieno alle vittime”, per poi aggiungere che: “Quello che noi vogliamo ottenere è il meglio possibile per queste persone”.

BOY SCOUT AMERICA, RISARCIMENTO RECORD: ORGANIZZAZIONE HA GIA’ DICHIARATO BANCAROTTA

Douglas Kennedy, vice-presidente dell’associazione dei sopravvissuti, ha invece spiegato che “Da parte di Bsa, oltre al denaro sono stati messi a disposizione delle autorità giudiziarie tutti i documenti relativi ai soggetti coinvolti negli abusi, questo servirà ad assicurare che chiunque sia stato un abusante non possa trovare posto in altre associazioni”.

L’accordo, è stato depositato presso la Bankruptcy Court del Delaware, e bisognerà capire se i Boy Scout a stelle e strisce riusciranno a rispettarlo. Quando venne dichiarata bancarotta, a marzo 2020, l’organizzazione spiegò che intendeva vendere decine di quadri di Norman Rockwell nonché azioni nel settore energetico in 17 diversi stati, di modo da poter risarcire le vittime.



© RIPRODUZIONE RISERVATA