Bruno Vespa/ “Non ho un carattere facile. Marisa Allasio ha turbato i miei sogni…”

- Stella Dibenedetto

Bruno Vespa si racconta in un lungo faccia a faccia a Io e Te parlando del suo amore per la propria famiglia e per il gironalismo.

bruno vespa io e te min
Bruno Vespa a Io e Te - Screenshot da video

Bruno Vespa, da anni il re dell’informazione Rai, in attesa di tornare al timone di Porta a Porta, autore di tantissimi libri di successo, si racconta in un faccia a faccia ai microfoni di Pierluigi Diaco, all’interno della trasmissione Io e Te. Professionista di successo, Bruno Vespa ha messo a segno un grande successo anche nella vita privata. Sposato con Augusta Iannini, è padre di Federico e Alessandro di cui è molto orgoglioso. Il suo racconto a Io e Te, però, comincia dal suo impegno come scrittore. La sua ultima fatica s’intitola “Bellissime – Le donne dei sogni italiani dagli anni ’50 a oggi”. “Come rispondi a chi dice che fai il tour della televisione per il tuo libro?”, chiede Pierluigi Diaco. “Tutti gli autori vanno dappertutto”, risponde Vespa che non dà peso alle varie critiche. Una carriera, quella di Vespa, iniziata anni fa. “Sono l’unico di questo mondo a non avere un agente perchè ho sempre fatto tutto da solo. Ho avuto il primo microfono in mano a 18 anni. Ho visto che da quando c’è la Rai Repubblicana, su 26 direttori, ne ho avuti 23. E’ casa mia, io voglio un bene inimmaginabile alla Rai“, racconta Vespa.

BRUNO VESPA: “NON HO UN CARATTERE FACILE”

Schietto e sincero, Bruno Vespa ammette di non avere un carattere semplicissimo. “Non ho un carattere facile. L’eccesso di sincerità è un problema. Quando ho iniziato a condurre Porta a Porta, pensavo che sarei durato per ben sei mesi. Una trasmissione politica, su Raiuno, non aveva spazio e, invece, dall’8 settembre riparto”, racconta. Amante del genere femminile, Bruno Vespa ha deciso di dedicare un libro alle icone della bellezza femminile. “Marisa Allasio ha turbato i miei sogni di 13enne”, svela il giornalista che poi spiega la differenza tra fascino e seduzione. “Una donna o un uomo possono essere affascinanti, ma non seduttivi. La seduzione può nascere da uno sguardo. Il fascino include il portamento, il modo di porsi. La seduzione è fatta da gesti, da allusioni e nel mondo dello spettacolo, la calza di Laura Antonelli in Malizia vale quanto 100 nudi di oggi“. Infine, sul momento che sta vivendo l’Italia, dice: “Questo è un Paese che prima del Covid non cresceva da 20 anni e in 20 anni hanno governato tutti”, spiega augurandosi che l’Italia riesca a rialzarsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA