Calcetto possibile dal 15 giugno?/ Spadafora: “Apertura se contagi saranno in calo”

- Claudio Franceschini

Calcetto possibile dal 15 giugno? Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha aperto alla possibilità di riprendere l’attività degli sport amatoriali se la curva dei contagi scenderà.

ordinanza lombardia sport di contatto calcetto
Calcetto, immagine di repertorio (Foto LaPresse)

Dal prossimo 15 giugno potrebbe e dovrebbe essere possibile tornare a giocare a calcetto: non sarà magari il segno più inequivocabile dell’allentamento del lockdown da Coronavirus, ma è sicuramente un passo importante. Se a livello professionistico la ripresa della Serie A (il 20 giugno) ha fatto da ideale riassunto di quale sia la situazione, non bisogna dimenticare che c’è tutta una parte dello sport che è ferma, e si tratta delle attività amatoriali e di base. Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, intervenendo a Tg2 Post, ha citato esplicitamente il calcetto per spiegare cosa intendesse: quello e i saggi di danza. “Mi auguro nel prossimo Dpcm si possa aprire tutta la parte dello sport che è ancora ferma” ha detto, prima di anticipare che il 15 giugno sarebbe la data giusta per riprendere. A una condizione, implicita ma comunque importante: la curva dei contagi dovrà continuare a scendere. Le norme contenute nel Dpcm del 18 maggio vietavano ancora “gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati” pure consentendo l’attività sportiva o motoria all’aperto, anche presso aree attrezzate e parchi pubblici, “purchè comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale”.

CALCETTO POSSIBILE DAL 15 GIUGNO?

E’ il motivo per cui alcuni centri di tennis hanno riaperto i battenti, potendo consentire appunto i due metri di distanza; non il calcetto, e qui sostanzialmente si tocca quello che potrebbe sembrare un paradosso. I centri sportivi infatti hanno potuto riprendere la loro attività dallo scorso 25 maggio ma, a causa delle misure restrittive in termini di assembramento e distanziamento sociale, il 5 contro 5 non si può ancora praticare. Bisognerà aspettare ancora un po’ prima di tornare in campo: sarà anche banale, ma va detto che il calcetto amatoriale è un appuntamento quasi imperdibile per tantissimi italiani che, nel fine settimana o la sera dopo il lavoro, si ritrovano in gruppo per giocare una o due ore di partitella per scaricare stress e tensioni della giornata, o semplicemente per tirare due calci a un pallone e perseguire così la loro passione. Non sarà la Serie A o il professionismo, ma è comunque un tema che interessa particolarmente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA