CALCIOMERCATO/ Juventus, Krasic ad un passo, per Dzeko si tratta

- La Redazione

La società bianconera vuole chiudere al più presto due importanti operazioni di mercato in entrata

Krasic_R375_23set09

CALCIOMERCATO JUVENTUS – La Vecchia Signora è senza dubbio una delle società più attive sul fronte mercato in vista della prossima estate. I dirigenti di corso Galileo Ferraris si stanno infatti muovendo col chiaro intento di costruire una squadra che possa tornare nel più breve tempo possibile a conquistare lo Scudetto e la Champions League. Dopo aver ufficializzato l’arrivo di Simone Pepe, a breve, dovrebbero essere portati a termine i due principali colpi, parliamo naturalmente di Milos Krasic, esterno del Cska Mosca, e di Edin Dzeko, centravanti del Wolfsburg.

Per il primo le operazione sembrano essersi leggermente incagliate. I moscoviti non intendono infatti effettuare sconti e pretendono 15 milioni di euro, facendosi forti di alcune offerte prestigiose, leggasi Inter, Manchester City e United. Peccato, però, che la Juventus non ha alcuna intenzione di partecipare ad aste come il neo dg Marotta ha confessato: «Noi siano arrivati per primi su Krasic ma delle volte non basta neanche questo. Il calcio è così. Di sicuro la Juve non partecipa alle aste quindi delle due l’una: o il Cska accetta quanto concordato o noi ci ritiriamo dalla trattativa».

La Juventus è comunque fiduciosa, forte della volontà dello stesso Milos Krasic che recentemente ha confessato alla stampa russa che: «Il mio ciclo con il Cska Mosca è finito, ho dato del mio meglio ed i dirigenti conoscono i miei desideri, amo l’Italia. Ho una solo parola. Al City non vado e preferisco voi all’Inter». Una volta archiviata la pratica Krasic, si spera settimana prossima, la Juve si getterà a capofitto su Edin Dzeko. L’attaccante del Wolfsburg vuole lasciare la Germania per il definitivo salto di qualità e il club bianconero è meta gradita. A Torino si sta cercando di ottenere il compenso necessario per l’operazione che potrebbe essere ricavato dalla cessione di Diego.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori