Kevin Prince Boateng/ Aggredito e ferito in strada in Germania

- La Redazione

Kevin Prince Boateng è stato aggredito mentre faceva visita in Germania a suo figlio Jermaine: sospettato il nuovo compagno della ex moglie del giocatore dello Schalke 04 ex Milan

boateng_schalke
Foto Infophoto

Brutta disavventura per Kevin Prince Boateng, il calciatore ghanese-tedesco noto anche per essere il compagno di Melissa Satta: dopo avere trascorso la notte di Natale in compagnia della show-girl italiana e delle rispettive famiglie, l’ex numero 10 del Milan è stato aggredito in strada a Kaarst, località che si trova a pochi chilometri da Meerbusch, dove Prince abita, e da Gelsenkirchen, dove invece gioca da fine agosto con la maglia dello Schalke 04. Secondo le ricostruzioni dell’episodio di cronaca, la mattina di Natale Boateng si è recato in visita al figlio Jermaine Prince, di 5 anni, a casa della sua ex moglie e madre del bambino, Jenny. Una volta uscito è stato avvicinato da un uomo che lo ha colpito al volto facendolo cadere su un vaso antistante la porta dell’abitazione, che è andato in frantumi. L’aggressore poi è fuggito, mentre il giocatore si è fatto medicare in ospedale per contusioni alla schiena e al collo, pur non riportando ferite gravi e – secondo quanto rilevato dal noto quotidiano tedesco Bild – ha informato la polizia dell’accaduto sporgendo denuncia e rivolgendosi all’avvocato dello Schalke Klaus Bernsmann. Le indagini sono state già avviate: le forze dell’ordine, sentiti alcuni testimoni, starebbero effettuando le ricerche nell’ambito delle conoscenze personali del calciatore. Una delle ipotesi è che il responsabile possa essere un amico dell’ex moglie. Natale rovinato e tanto spavento, ma per fortuna conseguenze fisiche non gravi: almeno una buona notizia per Boateng, che già in questi mesi ha avuto problemi a causa di un ginocchio ballerino, mentre nella vita privata è recente la notizia della gravidanza di Melissa Satta (annunciata su Twitter) che renderà Prince padre per la seconda volta.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori