RITIRO CASSANO/ La moglie Carolina Marcialis: lo ha fatto per me e per i figli, non voleva rovinarci la vita

- Davide Giancristofaro Alberti

Ritiro di Cassano, parla la moglie Carolina Marcialis: lo ha fatto per noi, non voleva stravolgerci la vita. La compagna dellex calciatore dellHellas Verona, torna a parlare

Cassano_Verona_allenamento_lapresse_2017
Cassano, ex Verona - LaPresse

Torna a parlare Carolina Marcialis, moglie di Antonio Cassano. La bella pallanuotista ha rilasciato unintervista al noto settimanale Oggi, in cui ha voluto approfondire la notizia calcistica degli ultimi giorni, laddio allHellas Verona di Fantantonio e il (molto probabile) addio al calcio giocato. «Antonio spiega la giocatrice di pallanuoto, che potrebbe finire in A1, nel Rapallo – semplicemente non voleva stravolgerci la vita, far cambiare tutto a me e ai bimbi. E poi ancora: «Ma io sono la prima che lo appoggia in qualsiasi scelta, anche se ci fosse da andare in Cina lo seguirei con i bimbi. Mi ambiento ovunque. Limportante è essere uniti: per il resto possiamo andare in capo al mondo. Carolina è stata anchessa protagonista in questi giorni, con il famoso post in cui annunciava che il marito intendeva dire addio solo al Verona e non al calcio in toto, poi smentita dallo stesso fantasista di Bari Vecchia.

RITIRO DI CASSANO, LE PAROLE DELLA MOGLIE CAROLINA MARCIALIS: LO HA FATTO PER NOI

LA MALINCONIA DI CASSANO

Troppo attaccato ai famigliari Antonio Cassano, che non ha retto la lontananza, i quasi 290 chilometri che separano Verona da Genova, città questultima dove appunto risiedono Carolina e i suoi due figli. E pensare che soltanto una decina di giorni fa, lex Sampdoria aveva indetto una conferenza stampa per salutare gli scaligeri, per poi tornare sui suoi passi repentinamente, una doppia clamorosa decisione nel giro di poche ore. Lunedì, però, il giocatore non ha retto, ed ha così deciso di appendere le scarpe al chiodo, forse definitivamente. Il forse rimane doveroso perché quando si parla di Cassano, cè sempre da usare un enorme condizionale. Sono infatti molti quelli convinti che alla fine il barese possa farsi tentare da qualche avventura più vicina a casa se corteggiato a dovere. Esclusa la Sampdoria, visto il rapporto logoro con Ferrero, e escluso il Genoa per ovvi motivi, rimarrebbe la Virtus Entella, interessante squadra con sede a Chiavari che milita nel campionato di Serie B: da qui alla chiusura del mercato manca ancora più di un mese, tutto può accadere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori