Usain Bolt al Milan?/ Il primatista mondiale dei 100 metri può arrivare in rossonero

- Matteo Fantozzi

Il primatista mondiale dei 100 metri Usain Bolt può sbarcare al Milan. Dopo essere stato “scartato” da Borussia Dortmund e Arsenal spunta la clamorosa opzione targata Italia.

Bolt_posa_lapresse_2017
Usain Bolt "Ho firmato con un club di calcio" - La Presse

C’è più di un motivo per pensare che Usain Bolt presto possa diventare un calciatore del Milan. Il primatista mondiale nei 100 metri infatti è stato cercato da una squadra Europea che potrebbe essere facilmente associata ai rossoneri. A lanciare la bomba è Daily Telegraph che spiega come il suo agente non abbia fatto un nome, ma che si sarebbe al momento limitato ad alcuni indizi. Per prima cosa il club gioca nel sud Europa e proprio come il Milan ha cambiato proprietà da poco. Si tratta di una squadra che punta a qualificarsi per la prossima Champions League e che nei prossimi mesi disputerà la finale di una coppa nazionale. Il club allenato da Gennaro Ivan Gattuso sarà in campo infatti il 13 gennaio per la Supercoppa Italiana trovandosi di fronte la Juventus di Cristiano Ronaldo. E chissà che proprio in quella partita il fenomeno portoghese non si troverà di fronte il talento giamaicano.

Gioia rossonera dopo i no di Arsenal e Borussia?

Usain Bolt al Milan sembra essere una possibilità concreta, ma non è la prima squadra con la quale entrerebbe in contatto il primatista dei 100 metri giamaicano. Non sono andati bene i provini prima con il Borussia Dortmund e poi con l’Arsenal, con la possibilità di vederlo volare verso il nostro campionato che stuzzica la fantasia di moltissimi italiani. Usain Bolt non ha mai nascosto la voglia di intraprendere una carriera da calciatore dopo il ritiro dall’atletica dove ha battuto record su record. Di certo a unire il Milan e il giamaicano c’è anche la Puma, sponsor tecnico che ha preso dopo tantissimi anni il posto di Adidas in casa rossonera e che vede nel ragazzo giamaicano un uomo immagine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori