Infortunio Lucas Biglia/ Milan, confermata la lesione al polpaccio destro: stop di almeno sei settimane

- Raffaele Graziano Flore

Milan, lungo stop per Lucas Biglia: il centrocampista argentino potrebbe restare fuori per sei-otto settimane a causa della lesione patita al polpaccio destro durante il riscaldamento

Luca Biglia
Lite Biglia-Kessié (Web, 2018)

Milan, infortunio per Lucas Biglia: piove sul bagnato, dal punto di vista dell’infermeria, per la società rossonera che dopo l’infortunio patito da Mattia Caldara e che lo terrà per un po’ lontano dai campi di gioco ora dovrà fare a meno pure del centrocampista argentino che non solo non si aggregherà ai compagni in vista della prossima trasferta in terra friulana contro l’Udinese ma dovrebbe essere out almeno per le prossime sei-otto settimane, stando almeno a quello che è filtrato da Milanello. Il 32enne ex Lazio, non nuovo a ricadute dal punto di vista fisico, è stato sottoposto questa mattina a una risonanza magnetica che ha confermato la lesione del muscolo gemello mediale del polpaccio destro, circostanza che peraltro si temeva già prima del match giocato contro il Genoa e che Biglia si era visto costretto a saltare.

MILAN, SI ALLUNGA LA LISTA DEGLI INDISPONIBILI

Ad ogni modo, se i tempi di recupero dovessero essere confermati, Lucas Biglia potrebbe rivedere il campo solamente dopo il tour de force di gare natalizio, ma in casa Milan si spera che gli esami di controllo che sono stati già messi in calendario tra circa due settimane possano dare esiti più confortanti. Intanto, per mister Gennaro Gattuso si profilano due emergenze, una a breve termine in vista del prossimo appuntamento di campionato (neppure Bonaventura potrebbe farcela, alzando bandiera bianca), e l’altra a lungo termine dato che resteranno fuori almeno fino ai primi del 2019 non solo un difensore (Caldara) e un centrocampista (l’argentino), ma pure il terzino croato Strinic per i noti problemi patiti e che vanno dunque a ingrossare la lista degli indisponibili.







© RIPRODUZIONE RISERVATA