Gandini lascia la Roma / Risoluzione consensuale del contratto, altro addio dopo quello di Franco Baldini

- Matteo Fantozzi

Umberto Gandini e la Roma hanno deciso per la rescissione consensuale del contratto. Il dirigente lascia il club dopo l’addio in settimana di Franco Baldini, cosa accade nella capitale?

pallotta roma allenatore
James Pallotta deve scegliere il nuovo allenatore Roma (LaPresse)

Umberto Gandini ha rescisso consensualmente il suo rapporto con la Roma dove svolgeva fino ad oggi il ruolo di amministratore delegato. Una scelta che lascia abbastanza perplesso il pubblico giallorosso visto che in settimana aveva già lasciato Franco Baldini in seguito alle parole presenti nell’autobiografia di Francesco Totti. Nel comunicato ufficiale pubblicato dal club possiamo leggere come la società auguri a questi di poter ingaggiare il prima possibile nuove entusiasmanti sfide. Viene inoltre ringraziato per il suo impegno lungo il periodo nella capitale e per i risultati raggiunti durante tutto l’arco del mandato. Di certo sono parole importanti che fanno capire come il lavoro di Gandini nella capitale sia stato assolutamente apprezzato a prescindere dalla decisione di chiudere il rapporto qui e dividere le strade verso il futuro.

LE PAROLE DELL’EX AD GIALLOROSSO

Umberto Gandini ha commentato così l’addio alla Roma: “Ho vissuto nella capitale due stagioni davvero molto coinvolgenti, nel corso delle quali ho visto crescere il club sia dentro che fuori. Proprio alla luce dei risultati raggiunti e di scelte di vita che mi accingo a compiere ho ritenuto esaurito il mio percorso in giallorosso ed ho deciso di anticipare la naturale scadenza del contratto d’accordo con il club“. Il dirigente ci tiene poi a ringraziare James Pallotta per la grande opportunità che gli ha concesso visto che Roma per lui rappresenta una tappa fondamentale della carriera e un momento di grandissima crescita. Un altro ringraziamento poi va a tutto il Consiglio di amministrazione e al collegio sindacale del club.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori