CALCIOMERCATO/ Roma, Bargiggia: De Rossi, occhio a Manchester City e Real Madrid a meno che Berlusconi… (esclusiva)

- int. Paolo Bargiggia

Paolo Bargiggia, esperto di calciomercato per Mediaset Premium, ha parlato in esclusiva del “caso” De Rossi, escluso dall’ultima partita della Roma, e dei suoi possibili risvolti

de_rossi_castellacci_nazionaleR400
Daniele De Rossi, 29 anni, centrocampista della Roma e della nazionale italiana (INFOPHOTO)

In casa Roma ovviamente non si parla d’altro che della sorta di caso De Rossi, che potrebbe avere ripercussioni future anche in chiave calciomercato. I giallorossi vogliono vederci chiaro e capire la volontà del giocatore, preso atto dell’esclusione di Zeman ufficilamente per insufficiente impegno durante gli allenamenti. Sembra che De Rossi non sia il primo sostenitore del nuovo progetto, anche se ieri l’agente Fifa Alessandro Canovi ha spiegato come per lui si tratti di normali tempi di adattamento ad un sistema di gioco nuovo per il giocatore (clicca qui per saperne di più). Anche Paolo Bargiggia, noto esperto di calciomercato di Sport Mediaset che abbiamo intervistato in esclusiva, la pensa in questo modo: “Zeman vorrebbe che De Rossi giocasse come interno di centrocampo mentre il giocatore vuole rivestire i panni del playmaker, solo che in que ruolo il boemo preferisce puntare su Bradley o Tachtsidis. Bisognerà capire bene se ci potrà essere una soluzione pacifica, ma non credo che Zeman cambi idea sulla posizione di De Rossi“. E’ necessario che i due arrivino a una soluzione per il bene della Roma, altrimenti si potrebbe andare incontro anche a un clamoroso divorzio. La società però è la prima a voler capire la situazione anche perché ci sono questioni economiche importanti: “De Rossi è il giocatore italiano più pagato del campionato con il suo ingaggio da 5,5 più bonus, la Roma vuole vederchi chiaro perché non vuole vedere un capitale così importante fuori dai titolari. Ma se Zeman riuscisse a trovare la quadratura del cerchio senza De Rossi allora il caso diventerebbe difficile da gestire” ha dichiarato Bargiggia. Ovviamente siamo ancora agli inizi, un’esclusione non si può fare di tutta l’erba un fascio, ma è chiaro che fa notizia il mancato utilizzo di un giocatore importante come De Rossi. Il Manchester City resta sempre sintonizzato, il giocatore è da sempre un pupillo di Roberto Mancini. Cessione a gennaio? Non proprio secondo Bargiggia: “Non credo ci sarà un addio a gennaio del giocatore. Anche perché è difficile trovare un top club che durante il mercato invernale voglia spendere tanto. Io credo che De Rossi, se dovesse avere problemi con Zeman, potrebbe andare via a giugno. Il Manchester City è sempre interessato e chissà se il Real Madrid abbia nuovamente voglia di puntare su di lui. De Rossi in un’altra squadra italiana? E’ difficile perché costa tanto e ha un ingaggio importante. A meno che Berlusconi

…non decida di riportare il Milan a grandi livelli e inizi a fare sacrifici importanti. Ma non sono così sicuro“. De Rossi potrebbe clamorosamente lasciare la Roma anche se in questi anni è rimasto legato alla Capitale visto che il suo rapporto con i tifosi e con la società è molto forte.

 

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori