CALCIOMERCATO/ Roma, Borini-Totti, la doppia vittoria di Luis Enrique

Luis Enrique ieri ha fatto vedere a tutto il calcio italiano il suo ideale stile di calcio. La Roma vista ieri contro l’Inter è stata perfetta, con un Borini strepitoso.

06.02.2012 - La Redazione
fabio_borini_r400
Fabio Borini (Infophoto)

Luis Enrique ieri ha fatto vedere a tutto il calcio italiano il suo ideale stile di calcio. La Roma vista ieri contro l’Inter è stata perfetta, assecondata sicuramente dai nerazzurri, ma assolutamente imprevedibile e pronta a stordire l’avversario in tanti modi. Un quattro a zero davvero importante per i giallorossi che hanno umiliato Claudio Ranieri, ex tecnico della Roma, che all’Olimpico sperava di fare più bella figura. Non ci è riuscito anche perchè i giallorossi sono stati davvero bravi a sfruttare le occasioni che sono state concesse dai difensori nerazzurri. A centrocampo c’è stata la completa supremazia della Roma che ha mostrato il grande palleggio e soprattutto la grande padronanza tecnica dei giocatori della Roma. In attacco si è accesa in maniera imponente la stella di Fabio Borini, attaccante italiano Under 21 che ha segnato una doppietta importante a livello personale e per la squadra. Borini, classe 91′, è arrivato dal Parma in compartecipazione dopo che i ducali lo avevano prelevato sempre in estate dal Chelsea a parametro zero. Sono già sei i gol stagionali di Borini che ha eguagliato il record di gol personali siglato nello Swansea. Un attaccante che segna, fa segnare e si sacrifica per la squadra. Luis Enrique lo ha promosso titolare sfruttando anche l’assenza di Osvaldo, fuori per un problema muscolare. Le parole del tecnico asturiano dopo il k.o. dell’italo-argentino e la partenza di Borriello sono state queste: “Non ho chiesto un attaccante alla società, vanno bene quelli che ho a disposizione”. Parole sante visto che Luis Enrique ha trovato un Borini in formato super. Ieri per l’attaccante della Nazionale Under 21 di Ferrara è arrivata la consacrazione. Sul primo gol si è bevuto Samuel, sul secondo gol personale ha resistito a una carica di Lucio trafiggendo per la seconda volta Julio Cesar. Numeri da campione. Contro l’Inter non ha segnato Francesco Totti ma il capitano giallorosso ha giocato una partita super da rifinitore. Anche questa è una vittoria di Luis Enrique che ha sempre pensato a Totti come l’idea suggeritore dell’attacco giallorosso. Vero, segnerà meno, ma è altrettanto decisivo giocando qualche metro più indietro. E pensare che a inizio stagione il suo rapporto con il tecnico asturiano non sembrava idilliaco.

Adesso invece la Roma sembra aver imboccato la strada giusta, in più è arrivata anche la notizia del rinnovo di Daniele De Rossi, centrocampista fondamentale per i giallorossi. E’ tutto pronto per la rincorsa al terzo posto…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori