CALCIOMERCATO/ Roma, il Barcellona “tenta” Marquinhos, ma Baldini…

- La Redazione

Tra i tanti rumors di mercato che hanno accompagnato il volo dei giallorossi ce ne è uno che sicuramente nei prossimi giorni creerà un certo clamore. E riguarda Marquinhos al Barcellona.

Baldini_dichiarazioni
Franco Baldini, direttore generale della Roma (Infophoto)

(Esclusiva). La Roma è atterrata stamane a Fiumicino e si è diretta di corsa a Trigoria per l’allenamento delle 16 agli ordini di mister Zeman. Tra i tanti rumors di mercato che hanno accompagnato il volo dei giallorossi ce ne è uno che sicuramente nei prossimi giorni creerà un certo clamore. E non riguarda i soliti Stekelenburg, Osvaldo, Burdisso o Marquinho di cui si stanno occupando a profusione tutti i media nazionali.

Ma la voce trapelata è di una richiesta ufficiale giunta sulla scrivania di Franco Baldini nei giorni prima di Natale da parte di una big d’Europa. Da quanto ci risulta il Barcellona avrebbe chiesto informazioni e manifestato interesse per Marquinhos, il giovane difensore brasiliano che la Roma ha appena riscattato dal Corinthians per 3,5 milioni. Il ragazzo, appena 18enne, ha stupito tutti gli osservatori europei per la sua grande personalità, rapidità di corsa e intelligenza tattica da veterano. Il Barça sarebbe disposta a versare nelle casse dei giallorossi ben 15 milioni di euro (4 milioni per 5 anni al calciatore): in Spagna lo considerano il nuovo Thiago Silva.

La Roma, dal canto suo, sa di avere in casa un vero fenomeno che, insieme a Castan e all’altrettanto promettente Romagnoli, gli consente di blindare la difesa per i prossimi 10 anni. Motivo per cui Baldini e Sabatini hanno risposto di no, alla ricca offerta degli spagnoli, ribadendo l’incedibilità del giocatore. Marquinhos è rimasto lusingato dell’interesse di uno dei club più prestigiosi al mondo, ma ha ribadito ai dirigenti della Roma di voler crescere nella capitale con mister Zeman che in questi suoi primi mesi romani gli sta facendo da padre. La Roma si ripresenta quindi all’apertura della sessione di mercato con un “acquisto” in più: la società di Pallotta in questi mesi ha dimostrato di saper tenere testa alle offensive dei grandi club europei e di saper difendere i propri “gioielli” come era già successo con Lamela e Pjanic.  



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori