CALCIOMERCATO/ Roma, da Berardi un “rosso” e “giallo” per Zeman: la chiave è Marquinho (esclusiva)

MERCATO ROMA (ESCLUSIVA). La Roma di Zeman affonda a Napoli per 4-1, e si riapre il tempo dei processi a una difesa che ha troppe lacune: per questo si lavora all’acquisto di Berardi.

07.01.2013 - La Redazione
Sassuolo_Berardi
Un'esultanza del Sassuolo (Infophoto)

La Roma di Zeman affonda a Napoli per 4-1, e si riapre il tempo dei processi a una difesa che ha troppe lacune e a un attacco che spreca fino all’inverosimile. Il pensiero di questi tempi va inevitabilmente al mercato, che in situazioni di crisi come questa diventa nell’imaginario comune la panacea di tutti i mali. Walter Sabatini e Franco Baldini, non escono sfiduciati dalla debacle di Napoli perché, per dirla alla Zeman, la squadra ha fatto una bella prestazione ed è stata comunque viva per tutta la gara, anche in inferiorità numerica. Però qualcosa si può sempre migliorare ed in tempi di trattative nessuna occasione va persa. La Roma ufficialmente non cerca nessuno per gennaio, ma sappiamo per certo, dalle voci che ci sono giunte dalla Capitale, che se fosse possibile Sabatini vorrebbe regalare al tecnico boemo un rinforzo per la difesa. L’obiettivo a cui il ds giallorosso sta lavorando da tempo non è il tedesco Jung di cui, ciclicamente, si fa un gran parlare ma il difensore destro della Sampdoria, Gaetano Berardi, classe 1988 di nazionalità svizzera. Un pupillo dell’ex ds della Samp, Pasquale Sensibile, grande amico e “collaboratore” di Sabatini. L’operazione Berardi era stata pensata in coppia dai due. Oggi che Sensibile non è più il ds dei blucerchiati, il canale “ufficiale” tra i club si è raffreddato ma i contatti col calciatore e il suo entourage sono proseguiti. Ci risulta che Berardi sia deciso a vestire la maglia giallorossa già da gennaio, e che, in tal senso, abbia fatto arrivare più di un segnale al suo presidente e al nuovo ds Carlo Osti. Sicuramente la prestazione di ieri pomeriggio allo Juventus Stadium non è andata giù ai dirigenti della Sampdoria, nonostante la clamorosa vittoria con rimonta ottenuta dopo la sua espulsione. Da un giocatore comunque esperto come lui certi atteggiamenti, in occasione del rigore causato e del fallo che ha portato alla seconda ammonizione, non sono tollerabili. Raccontano che Berardi a fine partita aveva il morale sotto i piedi. E’ stato tradito da un certo nervosismo e quelli più vicini a lui ritengono che i continui rumors e il forte pressing della Roma non lo lasciano tranquillo. A questo punto, in settimana, potrebbe esserci una svolta nella trattativa con i giallorossi che aspettano solo un segnale dal giocatore per ritornare a bussare alla porta della Samp. E se di un cenno Sabatini aveva bisogno, direi che ieri ha avuto anche più di quel che si aspettava, ben inciso su quel cartellino rosso sventolato dall’arbitro. C’è quindi da giurare che i due club torneranno presto a parlarsi. Ai blucerchiati non conviene tenere un giocatore non contento, che se dovesse continuare su questo trend negativo a giugno vedrebbe il suo valore abbassarsi notevolmente. La Roma ritroverebbe da subito con una valida e pronta alternativa a Ivan Piris, senza dover pescare in campionati esteri col problema poi dell’ambientamento. Zeman su questo punto ha posto un veto preciso alla società: se devono arrivare rinforzi vuole giocatori già abituati al nostro campionato. Altrimenti, niente, se ne riparlerà per il prossimo campionato. La Sampdoria sarebbe disposta a parlare di una contropartita tecnica: la formula che spunta all’orizzonte e su cui lavoreranno le “diplomazie” dei due club è uno…

…scambio di prestiti, con relative opzioni di riscatto. Ai blucerchiati interesserebbe Marquinho, il centrocampista brasiliano che non sta trovando molto spazio nell’11 di Zeman. Poteva arrivare a Genova un anno fa, in una delle operazioni congiunte Sabatini-Sensibile, ma il collega blucerchiato all’ultimo si defilò. Il centrocampista però piace molto a mister Delio Rossi che potrebbe schierarlo nel centrocampo a tre, cercando di sfruttare le sue grandi doti di movimento senza palla e d’inserimento. Marquinho piace anche, come risaputo, al Palermo che ha strappato alla Roma più di una promessa. Ora però la trattativa è congelata per un veto di Zeman che vuole pensarci su fino a fine mese. Certo che il discorso Samp potrebbe smuovere il boemo che avrebbe come pedina di scambio un ulteriore rinforzo per la corsia di destra. La Roma in questa operazione spera di strappare dai liguri anche una opzione,una corsia preferenziale, per l’acquisto del centrocampista di Obiang, su cui però c’è già una concorrenza agguerritissima e il buon Walter non può più contare sull’aiuto dell’amico Pasquale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori