BASKET/ Repubblica Ceca-Italia 53-63 (qualificazioni Europei 2013): vittoria sofferta ma importante per la Nazionale

- La Redazione

Dopo una partita combattuta e sofferta, la nazionale italiana di basket ha battuto la Repubblica Ceca 63-53 a Chomutov nel secondo incontro delle qualificazioni agli Europei

pianigiani_fenerbahceR400
Foto Infophoto

Dopo una partita combattuta e sofferta, la nazionale italiana di basket ha battuto la Repubblica Ceca 63-53 a Chomutov nel secondo incontro delle qualificazioni al campionato europeo. A differenza del match contro il Portogallo di pochi giorni fa, in cui gli Azzurri sono riusciti ad imporsi senza particolari difficoltà, in questa seconda sfida Gallinari e compagni hanno dovuto sudare sette camicie prima di poter festeggiare la meritata vittoria, contro un’avversaria di caratura superiore ai lusitani ma non certo facente parte dell’elite del basket continentale. A fine gara risulta determinante la maggiore presenza a rimbalzo (47-38), il prezioso contributo di Gallinari, che fa registrare 13 punti, 7 rimbalzi e 3 assist (buona prova del lodigiano dopo i 15 minuti della prima partita), e l’ottima prestazione di Cinciarini, con 8 punti, 8 rimbalzi e 2 assist. Occhi puntati dunque sulla prossima gara contro la Turchia di Bodgan Tanjevic (campione d’Europa sulla nostra panchina nel 1999), la squadra più forte del nostro girone: martedì alle ore 21, una vittoria azzurra significherebbe una quasi certa qualificazione. La partita contro la Repubblica Ceca non inizia nel migliore dei modi, l’attacco italiano risulta impreciso e i lenti rientri difensivi concedono troppi spazi agli avversari che con due contropiedi si portano sul 6 a 0. Entrano allora in campo Gallinari e Hackett, ma a dare la sveglia sono Cinciarini e Aradori con due giochi consecutivi da tre punti, che portano il punteggio sul 12-10. I padroni di casa non ci stanno e provano ad allungare, portandosi sul 17-10, ma qui Pianigiani si gioca la carta Chiotti e il lungo milanese (preferito a Viggiano nella rotazione degli oriundi) riporta presto la situazione in parità. Il primo periodo, dopo la realizzazione di Hruban, si chiude sul 19-17. Nel secondo periodo entra in campo un’altra Italia che, grazie a Gallinari e un ottimo lavoro offensivo, al minuto 18 va a +10, portando il punteggio sul 23-33. Poco dopo Jelinek accorcia dalla lunetta, ma al rientro dall’intervallo Gallinari infila la tripla per il massimo vantaggio, 28-39. Minuto 32 e l’Italia è avanti ancora di 10 lunghezze, 38-48, e poco dopo sono prima Cavaliero (44-57) e Chiotti poi ad archiviare definitivamente la pratica Repubblica Ceca. “E’ una vittoria importante – ha commentato a fine gara il ct Simone Pianigiani – ma abbiamo fatto tanta fatica, come atteso”

“Abbiamo giocato facendo grande attenzione a non concedere loro il contropiede – ha aggiunto il tecnico. I ragazzi e la squadra hanno messo molto impegno in difesa e in più di una situazione abbiamo pagato in attacco con qualche tiro sbagliato di troppo. Dobbiamo essere più cinici e più solidi, allenarci sulla fatica perché non si tratta di una singola gara. Poi per ogni match ci possono essere diversi protagonisti”. Ora, come detto, la Turchia vice-campione del mondo in carica, che ha vinto soffrendo contro la Bielorussia (aveva riposato alla prima giornata): la qualificazione è ampiamente alla portata, bisognerà stare attenti ai cali di concentrazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori