Formula 1/ Webber: Vettel andrà in Ferrari entro due anni

- La Redazione

Mark Webber parla del futuro di Sebastian Vettel e crede che il futuro del pilota tedesco sarà in Ferrari, probabilmente dal 2016, dopo la coppia Fernando Alonso-Kimi Raikkonen

VettelWebber
Mark Webber e Sebastian Vettel partiranno dalla prima fila (Infophoto)

La Ferrari ha appena comunicato la coppia di piloti per l’anno prossimo, una coppia di grandissimo livello formata dal confermato Fernando Alonso e dal rientrante Kimi Raikkonen. Eppure, il futuro di Maranello potrebbe essere rappresentato da Sebastian Vettel: il suo attuale compagno di squadra Mark Webber si dice sicuro di ciò. Parlando con Sky Sports, il pilota australiano che si ritirerà dalla Formula 1 a fine stagione e verrà sostituito al volante della Red Bull dal connazionale Daniel Ricciardo ha sostenuto che la durata piuttosto breve (biennale) del contratto di Raikkonen sarebbe dovuta al fatto che per il futuro il vero obiettivo della Rossa sia il tedesco tre volte campione del Mondo. Qualcuno parla addirittura di un pre-contratto tra Vettel e la Ferrari per il 2015, anche se questa indiscrezione al momento non trova conferme. L’anno giusto dovrebbe invece essere il 2016, quando scadrà il contratto di Kimi e – considerate anche le età dei protagonisti – è molto probabile un cambiamento dei piloti di Maranello: la scelta della coppia Alonso-Raikkonen è naturalmente perfetta per il breve periodo, ma non è di prospettiva a lunga scadenza dal momento che il finlandese è un classe 1979 e lo spagnolo è del 1981. Sembra essere tutto perfetto per immaginare Vettel al volante del Cavallino, erede del connazionale Michael Schumacher. In effetti, quello che tutti contestano a Vettel è l’avere vinto solo con la Red Bull. Vincere almeno un titolo con la Ferrari zittirebbe definitivamente ogni critica. La curiosità è grande: Vettel affiancherà Alonso al posto di Raikkonen oppure il 2016 vedrà anche l’addio dello spagnolo, per una squadra tutta nuova e incentrata su Sebastian?



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori