Michael Schumacher/ Ultime notizie dopo incidente. Ferrari, Baldisserri: non mollare mai! Schumi ancora in coma (news e aggiornamenti 22 gennaio 2014)

- La Redazione

Michael Schumacher ultime notizie dopo l’incidente. Le condizioni di salute dell’ex pilota tedesco restano stabili, intanto non cessano i messaggi di solidarietà da tutto il mondo

schumacher_forza
(INFOPHOTO)

La Ferrari continua a pubblicare messaggi speciali per Michael Schumacher sul proprio sito Internet ufficiale. Così la scuderia di Maranello vuole manifestare la propria vicinanza al sette volte campione del Mondo di Formula 1 di cui cinque proprio al volante di una Ferrari, consecutivamente dal 2000 al 2004. Ecco perché è stata creata l’apposita sezione #ForzaMichael!, in cui vengono raccolti i messaggi più significativi in sostegno di Schumi, che si trova ancora in coma artificiale dopo l’incidente di cui è rimasto vittima lo scorso 29 dicembre. Oggi è stato scelto il messaggio di Luca Baldisserri, che in quegli anni memorabili era l’ingegnere di pista del pilota tedesco, insieme al quale ha vissuto dunque tutti i trionfi iridati di una coppia indimenticabile: “Michael, non dimenticherò mai quando nel 2000 sei venuto da me per incoraggiarmi a seguito del problema alla vettura nella gara di Spa. Il tuo messaggio è stato chiaro: non mollare mai! Ora sono io a chiederti proprio questo: vogliamo rivederti il Michael di sempre! A presto, Luca”.

Ha concesso al settimanale Oggi una lunga intervista, nella quale il manager piemontese ha parlato anche di Michael Schumacher. Tra i due c’è un legame molto forte, nato ai tempi in cui Briatore dirigeva la scuderia Benetton con la quale Schumi vinse nel 1994 e nel 1995 i suoi primi due titoli Mondiali in Formula 1, lanciando una carriera leggendaria che è poi proseguita in Ferrari. Ecco dunque le sue parole: “Per me è stato uno choc, non sono andato a trovarlo perché ora è inutile”, ha detto Briatore, oggi personaggio televisivo con ‘The Apprentice’, in onda su Sky con la seconda edizione. Ricordiamo che l’ex pilota tedesco è ricoverato in coma artificiale presso l’ospedale di Grenoble da domenica 29 dicembre, quando Schumacher rimase vittima di un banale incidente sugli sci, le cui conseguenze sono però state devastanti per l’idolo di milioni di appassionati di automobilismo sparsi nel mondo. Subito dopo il fatto, Briatore disse che quello sarebbe stato il Capodanno “più triste” della sua vita; ora un nuovo segnale d’affetto, anche se il manager non è ancora andato a far visita a Schumi come invece hanno fatto tanti altri personaggi che hanno condiviso con il Kaiser di Kerpen pagine importanti della sua avventura nel Circus.

La famiglia di Michael Schumacher sta vivendo settimane molto difficili dopo l’incidente di cui il sette volte campione del Mondo di Formula 1 è rimasto vittima lo scorso 29 dicembre sulle nevi francesi di Meribel. Schumi infatti è ancora ricoverato in coma artificiale presso l’ospedale di Grenoble, situazione logicamente impegnativa sotto tutti i punti di vista per la moglie Corinna, i figli Gina Maria e Nick, i genitori e il fratello Ralf. A confortare la famiglia c’è però l’affetto che i tifosi da tutto il mondo stanno mostrando in ogni modo nei confronti di un pilota che ha scritto la storia dell’automobilismo, soprattutto con la Ferrari. Un mito che ha regalato tante giornate memorabili ai suoi tifosi, che ora ricambiano con la loro vicinanza. La famiglia dunque ha voluto ringraziare tutti per la simpatia e l’affetto che così tante persone stanno dimostrando per Michael Schumacher. Ecco il messaggio che è apparso (in tedesco e in inglese) sul sito dell’ex pilota quarantacinquenne: “Siamo profondamente commossi per tutti i messaggi di conforto che stanno continuando ad essere inviati per augurare a Michael di riprendersi. Questo ci dà forza. Grazie di cuore a tutti! Grazie al Fan Club di Kerpen, grazie alle squadre di calcio 1.FC Colonia e Schalke 04, ma anche tutte le altre persone e gruppi di tifosi che ci sostengono. Sappiamo tutti che Michael è un combattente e non si arrenderà!”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori