Ferrari/ L’analisi del gran premio del Bahrain 2014 a Sakhir: parla Stefano Domenicali

- La Redazione

Il team principal della Ferrari Stefano Domenicali ha fatto il punto della situazione in casa Maranello, dopo il terzo gran premio della stagione 2014 corso in Bahrain

mercedes_bahrain
Infophoto - immagine di repertorio

Il team principal della Ferrari Stefano Domenicali ha fatto il punto della situazione per il cavallino rampante. Reduce da un terzo gran premio in Bahrain non esattamente esaltante, ed abbandonato prima della bandiera a scacchi dal presidente Luca Cordero di Montezemolo. Domenicali ha tradotto la delusione generale nell’intervista post-gara, pubblicata dal sito della Ferrari: “Un gran premio da dimenticare, purtroppo quella di Sakhir è una pista che ad oggi esalta caratteristiche non nostre. La prestazione dei nostri piloti è stata frustrante, hanno cercato di dare il massimo ma non potevano nè difendersi nè attaccare“. Fernando Alonso si è classificato al nono posto a 32 secondi e mezzo da Lewis Hamilton, mentre Kimi Raikkonen si è piazzato decimo. La Ferrari si è mostrata ancora lenta e Domenicali sa che il team avrà il suo bel lavoro per migliorare le prestazioni della macchina: “Questo è il tema principale su cui lavorare però dobbiamo fare in fretta, perché la vetta della classifica si allontana e se non si reagisce immediatamente la situazione potrebbe diventare complicata. La mancanza di velocità di punta è stato un problema evidente, in una pista con tanti rettilinei la prestazione sotto questo profilo è necessaria per poter attaccare. L’obiettivo è risolvere in fretta questo problema. Bilanciamento? Anche lì c’è da migliorare, dopo una prestazione del genere tutti dobbiamo fare un salto di qualità, abbiamo priorità abbastanza evidenti e su questo dobbiamo reagire tutti da subito“. Nico Rosberg comanda la classifica piloti con 61 punti, seguito dal compagno Hamilton a 50 e da Nico Hulkenberg della Force India (motorizzata Mercedes); Alonso è quarto a 26 punti mentre Raikkonen si trova al dodicesimo posto a quota 7. Il mondiale sembra avviarsi verso la Mercedes anche se sono passati solo tre gran premi; in questo momento però la scuderia tedesca ha davvero una se non due marce in più, alla Ferrari per il momento resta il mezzo gaudio o presunto tale del mal comune, poiché anche la Red Bull campione in carica sta avendo le sue difficoltà. Domenicali ha fatto i complimenti alla “capolista”: “In questa prima parte della stagione non mi sembra di vedere un avversario che li possa mettere in difficoltà. Se i due piloti entreranno in competizione tra di loro il campionato sarà più aperto, ma per il momento bisogna solo fargli i complimenti perché stanno facendo un ottimo lavoro“. Il prossimo gran premio è in programma in Cina il 20 aprile, i tifosi si aspettano miglioramenti dalla Ferrari che nel frattempo studierà sviluppi: “Ci aspettano due giorni di testa importanti, significativi, che ci daranno il feeling di quello che potremo portare nelle prossime gare, in Cina e in Spagna (Barcellona l’11 maggio). L’obiettivo è ridurre il gap e tornare a lottare per risultati importanti“.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori