INCIDENTE HARYANTO / Video, la Manor si schianta contro il muretto della Nuova Chicane (oggi 26 maggio 2016)

- La Redazione

Incidente Haryanto, video: l’incidente di Rio Haryanto, pilota della Manor durante la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Formula 1 a Montecarlo, oggi 26 maggio 2016.

montecarlo_pista
Infophoto

INCIDENTE HARYANTO: VIDEO, L’INCIDENTE AL MURETTO – Il pilota indonesiano della Manor, Rio Haryanto si è schiatato oggi pomeriggio contro il muretto alla curva 10 del circuito di Montecarlo, durante la seconda sessione di prove libere del Gran Premio di Monaco di Formula 1, dopo aver brevemente perso il controllo della sua monoposto dopo l’uscita del tunnel. I danni riportati dalla vettura dopo lo schianto contro il muretto della nouvelle chicane (curva 10-11) sono per fortuna minimi e il pilota è uscito dalla sua monoposto senza aver bisogno di assistenza medica. L’errore commesso non è forse banale: il circuito di Montecarlo certamente non è il percorso più semplice di questo Campionato di Formula 1 ma è sicuramente uno degli appuntamenti più emozionanti e più attesi da tutto il popolo degli appassionati di motori. Grazie alle telecamere presenti sul percorso possiamo infatti vedere nel dettagli la dinamica dell’incidente, che per fortuna non ha avuto serie conseguenze. Haryanto affronta il tunnel a forte velocità, forse eccessiva visto il brusco cambio che il pilota deve operare nella traiettoria prima di affrontare la curva 10 e 11 ed approdare alla Tabac.  Appena uscito dalla galleria il pilota della Manor sembra già sbandare leggermente rispetto alla classica traiettoria e mentre cerca di frenare prima di affrontare la curva 10 va in testa coda: per primo sbatte con l’alettone anteriore sinistro contro le barriere di protezione a sinistra del tracciato e poi la gomma posteriore destra che quasi si stacca dalla sua monoposto. Per fortuna la vettura dell’indonesiano della Manor è riuscita a fermarsi in tempo prima di cozzare con la chicane, lasciando dietro di se un gran numero di detriti e frammenti. 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori