CALCIOMERCATO/ Inter, Sneijder-United è rottura sull’ingaggio!

- La Redazione

Dall’Inghilterra: Ferguson rinuncia a Wesley perchè non ha accettato di ridursi l’ingaggio, nel frattempo il campione fa la vita a Ibiza con sigarette e alcool

sneijder_a-terra_R375_25set10
Sneijder (Ansa)

Sarebbe saltata la trattativa tra Sneijder e Manchester United. Il fantasista dell’Inter, principale obiettivo di calciomercato di Sir Alex Ferguson, probabilmente non giocherà quindi nel Red devils la prossima stagione. Seguendo un percorso simmetrico a quello del suo collega di reparto Samuel Eto’o (ora in Camerun per un evento benefico ma che già dal 21 agosto potrebbe raggiungere la sua nuova squadra l’Anzhi) Sneijder non pare abbia trovato l’accondiscendenza della dirigenza del Manchester United per far fronte al suo sontuoso ingaggio. Per Eto’o, invece, la mossa vincente è stata proprio questa: una cifra da capogiro per un contratto triennale. Con l’Inter poi è stato (quasi) uno scherzo raggiungere un accordo economico soddisfacente pe entrambi. La notizia arriva dall’Inghilterra e coglie tutti di sorpresa perché sembrava che tra le parti ci fossero solo pochi dettagli da definire. Invece, una volta trovato un accordo di massima con l’Inter su una cifra che si aggira attorno ai 30 milioni di sterline, non è stata trovata l’intesa con il giocatore che non è disposto a ridursi lo stipendio come invece i Red Devils si sarebbero aspettati. Da qui la decisione del direttore generale dei campioni d’Inghilterra David Gill di interrompere la trattativa. E’ noto che il Manchester United ha un tetto ingaggi molto rigido, seppur certo non “da fame” con i 5 milioni di euro che percepisce il capitano Wayne Rooney. Impensabile per tutti – tranne evidentemente per Sneijder – che l’olandese prenda sei milioni netti l’anno. Ci sono quindi due aspetti del problema, uno economico – e l’Inter dovrebbe quindi fare uno sconto sul prezzo di cartellino, poco probabile soprattutto con l’accelerata della trattativa Eto’o – e uno “educativo”, dato che parliamo del decano degli allenatori, Sir Alex Ferguson, alla guida del Manchester United da che i più hanno memoria. Quindi, il tulipano non si dovrebbe muovere da Milano. I tifosi dell’Inter, ormai rassegnati alla partenza di Eto’o, per il momento (mancano ancora 20 giorni alla fine del mercato) possono tirare un sospiro di sollievo almeno sul fronte Senijder. E Ferguson dovrà cambiare strategie dopo aver fallito il terzo assalto a un centrocampista di qualità per il suo nuovo Manchester (Nasri e Modric gli altri due colpi non andati a segno).

Nel frattempo il giocatore vista la cancellazione dell’amichevole Inghilterra-Olanda, si è concesso un weekend di vizi a Ibiza. Il giocatore è stato visto bere e fumare fino a notte fonda nei locali più glam dell’isola in attesa di tornare al lavoro. A Milano, almeno per il momento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori