CALCIOMERCATO/ Inter, dal Manchester City i possibili rinforzi

Kolarov, De Jong, Balotelli: tre nomi che l’Inter ha nel mirino, tutti in uscita dal Manchester City di Roberto Mancini. Sono considerati esuberi in casa Light Blue, i nerazzurri ci pensano.

10.05.2012 - La Redazione
bALOTELLI_R400_2
Mario Balotelli (Infophoto)

L’Inter guarda in Inghilterra per costruire la squadra del futuro. Più precisamente, al Manchester City. Sulla panchina dei Light Blue siede Roberto Mancini, ex allenatore dei nerazzurri e fautore dei primi successi del post Calciopoli. Mancini è a soli novanta minuti dal sogno Premier League: gli basterà battere il Queens Park Rangers in casa per festeggiare un titolo nazionale che il City non vince dal lontanissimo 1968. Un successo dietro l’altro: lo scorso anno, l’ex allenatore anche di Fiorentina e Lazio aveva riportato all’Etihad Stadium la FA Cup, adesso può aggiungere la Premier League, dopo aver portato il club a giocare in Champions League. Non si può dire che non abbia fatto un buon lavoro: vero che in questo è stato aiutato dalle illimitate risorse economiche dello sceicco Mansour, ma poi le squadre vanno sempre assemblate a livello tattico e ci sono delle partite da giocare e vincere. Mancini, con tutta probabilità, verrà confermato: la vittoria della Premier League era la discriminante per la sua permanenza, se non ci saranno sconvolgimenti all’ultima giornata il tecnico italiano potrà cominciare a preparare la prossima stagione. Il mercato prevede tanti nomi in uscita, e su almeno tre di questi è vigile l’occhio dei nerazzurri, che potrebbero avere un canale preferenziale visto il passato di Mancini. Un giocatore per reparto, cominciando da Kolarov: il terzino sinistro è arrivato al City nell’estate del 2010 dalla Lazio, doveva essere un grande acquisto ma di fatto non ha mai inciso, tra un infortunio e la concorrenza. Quest’anno Mancini ha puntato tutte le sue fiches su Gael Clichy, vincendo la scommessa. Kolarov può partire, l’Inter lo seguiva già ai tempi della Lazio e potrebbe essere lui il terzino mancino del futuro, andando a sostituire Chivu che può lasciare i nerazzurri dopo cinque stagioni. A centrocampo troviamo Nigel De Jong: centrocampista di quantità, dal carattere non semplicissimo e dall’irruenza spesso oltre i limiti: è però un mediano di livello internazionale, uno che all’Inter può essere il complemento perfetto nella mediana a tre proposta da Stramaccioni. Serve uno schermo che protegga il gioco offensivo dei nerazzurri, in queste giornate abbiamo visto come l’Inter dell’ex tecnico della Primavera punti forte sull’attacco e sui tre giocatori offensivi, che se però non sono aiutati da un centrocampo che copre rischiano di essere dannosi. De Jong è chiuso al Manchester City da Barry e Yaya Toure: 

Molto probabilmente partirà. Il terzo nome è la solita suggestione Mario Balotelli: Mancini l’ha già avuto a Milano, e ora ha perso la pazienza: nel match decisivo del St. James’ Park contro il Newcastle, SuperMario era in panchina. Un segnale: non è più così indispensabile. L’Inter potrebbe riportarlo a casa e cercare di limarne i comportamenti sopra le righe, ma in realtà su di lui c’è anche il Milan, e i nerazzurri al momento sembrano avere altri obiettivi per quanto riguarda l’attacco. Staremo a vedere, ma attenzione in estate alla tratta Manchester-Milano: potrebbe esserci movimento.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori