Calciomercato Inter/ News, Pezzuto (ag. FIFA): non solo Oriali, serve un altro dirigente. E Icardi… (esclusiva)

- int. Gianpaolo Pezzuto

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Giampaolo Pezzuto ha parlato del calciomercato Inter e in particolare del possibile arrivo di Oriali in dirigenza e…

oriali_eto
Gabriele Oriali, 60 anni, ex centrocampista e dirigente dell'Inter (INFOPHOTO)

L’Inter ha deciso di trovare nuovi dirigenti in vista della prossima stagione. Dopo l’addio di Branca infatti potrebbe arrivare un dirigente per dare una svolta all’Inter sul calciomercato e nel mirino ci sono diversi dirigenti. Si ritorna a parlare di un ritorno di Gabriele Oriali, ex dirigente dell’Inter che potrebbe tornare ad Appiano Gentile. Oltre a Oriali però potrebbero arrivare altri personaggi per aumentare la forza e la consistenza della società milanese. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Giampaolo Pezzuto ha parlato del calciomercato Inter. 
L’Inter potrebbe puntare nuovamente su Oriali. Soluzione giusta? Assolutamente sì, Oriali è un interista, un dirigente che conosce l’ambiente nerazzurro e quindi potrà dare sicuramente una mano. Ma servirebbe anche un altro dirigente.
Su chi punterebbe? Uno come Pradé sarebbe perfetto per l’Inter, io credo che la società nerazzurra debba puntare su dirigenti in grado di sviluppare il settore giovanile e occuparsi del calciomercato.
Molti senatori sono in scadenza di contratto. Che faranno? Non penso assolutamente che l’Inter voglia rinnovare il contratto di tutti i giocatori in scadenza di contratto, forse qualcuno ma non tutti.
Milito potrebbe andare via? A questo punto mi pare di sì, anche perché l’Inter potrebbe puntare con decisione su Icardi, giovane talento che dovrà dimostrare forza mentale.
Icardi può fare bene? Per ora non ha retto tutte le pressioni che gli sono piovute addosso, quindi dovrà assolutamente sbloccarsi per fare bene nell’Inter.
Ranocchia potrebbe andare via nel calciomercato di giugno? Il difensore italiano non rientra nei piani di Mazzarri, purtroppo ha avuto un rendimento molto basso rispetto a quello del passato.

(Claudio Ruggieri)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori