Calciomercato Inter/ News, Trazzi (ag. FIFA): Thohir, conferme positive. L’addio dei senatori… (esclusiva)

In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Fabio Trazzi ha parlato del calciomercato Inter e in particolare del possibile addio di molti senatori a fine stagione.

26.02.2014 - int. Fabio Trazzi
jonathan_icardi
Foto Infophoto

Sembra avere le idee molto chiare Erick Thohir, presidente dell’Inter, che vuole cambiare tanto sia a livello societario che a livello di rosa e lo si vedrà nel prossimo calciomercato. Non a caso i primi addii sono già avvenuti come quello di Marco Branca. Thohir vuole riportare l’Inter sul tetto d’Europa, per questo a fine stagione deciderà anche il futuro di Mazzarri che dovrà avere idee precise e vicine a quelle della nuova dirigenza che ama puntare sui giovani. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente Fifa Fabio Trazzi ha parlato del calciomercato nerazzurro. 
Che impressione le ha fatto Thohir in questi mesi? Come avevo già detto in precedenza, non penso sia uno sprovveduto e infatti lo sta dimostrando. Vuole fare bene, sono sicuro che ci riuscirà.
L’addio di Branca è solo un segnale della rivoluzione non crede? Lui vuole gente nuova e sta cercando di capire bene i propri collaboratori. Farà delle scelte in base alla meritocrazia.
Anche a Mazzarri ha mandato un segnale, resterà se avrà la stessa linea di pensiero del club… Esatto, se il tecnico punterà anche sui giovani allora il rapporto continuerà altrimenti Thohir penserà ad altri giocatori.
Icardi è uno dei pupilli del presidente indonesiano. Un talento sul quale puntare vero? Assolutamente sì, Icardi è un talento da confermare e puntarci in questa stagione e anche nelle prossime. 
Tanti senatori sono in scadenza di contratto. Anche lì verranno effettuate scelte importanti? Sono convinto che molti senatori andranno via, il loro ciclo all’Inter è finito. Anche Zanetti lascerà il campo da gioco.
Futuro da dirigente per “Pupi”: ce lo vede dietro una scrivania? Credo possa diventare un ottimo dirigente con il tempo.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori