Calciomercato Inter/ News, D. Canovi (ag.FIFA): argentini, repulisti! No a Evra, Dzeko costa troppo (esclusiva)

- int. Dario Canovi

Calciomercato Inter news, intervista in esclusiva all’agente FIFA Dario Canovi: sguardo ai possibili acquisti e rinnovi di contratto in casa nerazzurra. Tra gli obiettivi Evra e Dzeko

cambiasso_nagatomo_kovacic
(INFOPHOTO)

Erick Thohir ha già iniziato la costruzione dell’Inter 2014-2015: la prima pietra sarà Nemanja Vidic, capitano dello United che arriverà a parametro zero. Potrebbe seguirlo anche Patrice Evra, compagno di squadra e coetaneo (classe 1981), mentre molto più oneroso sarebbe l’acquisto di Edin Dzeko dall’altra metà di Manchester. L’Inter cerca un attaccante e il bosniaco (27 anni, contratto fino al 2015) potrebbe essere l’uomo giusto per raccogliere il testimone da Milito. El Principe è uno degli argentini in scadenza di contratto (Samuel, Zanetti, Cambiasso): rinnoverà? Per discutere del calciomercato dell’Inter ilsussidiario.net ha intervistato in esclusiva l’agente FIFA Dario Canovi.
Una buona notizia è il rinnovo di contratto di Palacio… E’ uno dei pochi campioni che l’Inter ha in rosa ed è giusto così, sarebbe assurdo che i nerazzurri non lo confermassero. Palacio sarà una delle pietre angolari della nuova squadra. 
Evra si può considerare vicino, sulla scia del colpo Vidic? Può essere però mi chiedo perché puntare su più giocatori non dico a fine carriera ma avanti con gli anni. E’ una politica che non condivido soprattutto nel caso dell’Inter, che ha uno dei migliori vivai d’Italia e in cui investe molto. A livello giovanile i nerazzurri continuano ad ottener ottimi risultati, poi però perdono i talenti migliori come è successo nei casi di Donati e Caldirola, che oggi sono titolari in Bundesliga. E questo per pagare l’ingaggio a uno come Vidic, che ha grande esperienza ma poca prospettiva…
Come bisognerebbe agire? Bisognerebbe avere coraggio, puntare di più si ragazzi del settore giovanile come si è fatto proprio in Germania: non a caso la scorsa stagione sono arrivati in finale di Champions due club tedeschi. Con la giusta pazienza anche la Nazionale potrebbe andare molto lontano, perché composta da giocatori freschi e sempre più abituati a giocare a livelli importanti. In Italia però la politica delle società di calcio è diversa e si preferisce acquistare calciatori stranieri, senza lanciare mai i nostri giocatori più promettenti.
A proposito di giovani stranieri: Montoya può ancora arrivare all’Inter? Non vedo perchè un club come il Barcellona si debba privare di un giocatore importante come lui: è l’erede fatto in casa di Daniel Alves, ha ancora il contratto in scadenza ma penso che alla fine sceglierà di rinnovarlo.
Alla voce ‘contratti in scadenza’ è ancora vivo l’argomento Cambiasso: rinnoverà? Ormai è ora che lasci l’Inter, è palese che non è più a livelli di due-tre anni fa. Credo che l’Inter dovrebbe liberarsi di tutta la colonia argentina, che ha condizionato la squadra nelle ultime stagioni. Però dovrò essere Thohir e prendere questa decisione e a operare un grosso cambiamento nell’Inter che come il Milan rischia di restare fuori dalle coppe nella prossima stagione. Sicuramente entrambe non faranno la Champions League e questo è grave.
Si parla di Edin Dzeko: può essere un obiettivo per Thohir? No perché costa almeno trenta milioni di euro tra costo del cartellino ed ingaggio. Oltretutto è spesso decisivo per il Manchester City anche partendo dalla panchina: non sono così sicuro che la società inglese voglia cederlo.
(Franco Vittadini)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori