Calciomercato Inter/ News, Cicchetti (ag.FIFA): Ferreyra-Adriano, due concorrenti italiane (esclusiva)

Calciomercato Inter news: in esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Gianfranco Cicchetti ha parlato degli obiettivi nerazzurri e in particolare di Adriano e Facundo Ferreyra

adriano_valladolid
Adriano (Infophoto)

In casa Inter si cercherà di ringiovanire la rosa perché il progetto di Thohir è quello di costruire una squadra vincente e giovane in modo che possa durare negli anni. I nerazzurri sono pronti a prendere diversi calciatori che vengono da altri campionati, occasioni importanti. E chissà che non arrivi anche un attaccante in più per colmare, almeno a livello numerico, il vuoto lasciato da Diego Milito. In esclusiva per IlSussidiario.net, l’agente FIFA Gianfranco Cicchetti ha parlato di due operazioni di calciomercato che riguardano l’Inter.
Si parla di un esterno per Mazzarri. Su chi punterà il tecnico toscano? Il nome che piace molto a Mazzarri è quello di Adriano, è da un paio di giorni che si parla con insistenza del brasiliano del Barcellona.
Potrebbe arrivare? Adriano è un giocatore importante che però il Barcellona potrebbe lasciare. Si parla di una valutazione di circa 10 milioni di euro, guadagna 3 milioni di euro a stagione e ha un contratto fino al 2017.
La concorrenza è tanta immaginiamo… Ovviamente sì, ma soprattutto l’Inter dovrà stare attenta alla Roma visto che a sinistra i giallorossi vorrebbero un giocatore come Adriano.
Per l’attacco dell’Inter ci sono novità? Credo che la novità possa essere rappresentata da un calciatore che è già stato nel mirino dell’Inter qualche anno fa.
Chi sarebbe? Facundo Ferreyra, attaccante argentino con passaporto italiano dello Shakhtar, guadagna 1,5 milioni di euro a stagione. Potrebbe arrivare in prestito con diritto di riscatto.
L’Inter è in vantaggio? I nerazzurri sono interessati ma dovranno stare particolarmente attenti alla Fiorentina che vuole un attaccante e pensa proprio a Facundo Ferreyra.

(Claudio Ruggieri)



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori