RANOCCHIA VIA DALL’INTER/ Ufficiale, il difensore in prestito all’Hull City (Ultime notizie, oggi 31 gennaio 2017)

- La Redazione

Ranocchia via dall’Inter: il difensore centrale umbro ha raggiunto l’accordo per il prestito secco all’Hull City (fino al termine della stagione). Con le Tigers avrà la maglia numero 13

Ranocchia_terra
Andrea Ranocchia (Foto LaPresse)

L’ultimo giorno di calciomercato invernale per l’Inter sancisce l’addio di Andrea Ranocchia dalla squadra nerazzurra. Il centrale difensivo umbro raggiunge l’Hull City fino al termine della stagione: prestito secco, dunque in ogni caso il primo luglio tornerà ad Appiano Gentile. Finisce, almeno per il momento, l’esperienza di Ranocchia all’Inter: un’avventura durata un totale cinque stagioni e mezza, per 175 partite e 9 gol. Era il gennaio del 2011 quando Ranocchia arrivava alla Pinetina: lo aveva voluto Leonardo per fare fronte a un’emergenza difensiva. Dopo due stagioni ottime al Bari (pur segnate da un grave infortunio) e una prima parte di campionato Nel Genoa, il centrale sembrava destinato a diventare uno dei migliori in Italia nel suo ruolo, futura colonna della nazionale e sicuramente più “pronto” di quanto lo fosse il suo compagno di reparto in Puglia, Leonardo Bonucci. La storia ha detto altro: di fatto Ranocchia è stato raramente all’altezza del compito. Vuoi per le pressioni della Curva Nord (derivate certamente anche dalla flessione dei risultati dell’Inter), vuoi per i tanti infortuni, vuoi per la concorrenza interna, l’umbro non è mai riuscito a esprimersi sui livelli cui aveva abituato in gioventù. Il prestito semestrale alla Sampdoria non l’ha rilanciato: tornato all’Inter ha messo insieme solo 5 partite, chiuso dalla coppia Murillo-Miranda e adesso dall’arretramento di Gary Medel. L’Hull City lo ha accolto presentandolo come un “giocatore di qualità internazionale e con grande esperienza”: queste le parole del suo nuovo allenatore Marco Silva. Con le Tigers Ranocchia vestirà la maglia numero 13: domani sera potrebbe già fare il suo esordio in Premier League contro il Manchester United.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori