CALCIOMERCATO/ Juventus, Motta e Grosso verso la Spagna, Iaquinta piace in Russia

Il fair play finanziario ideato da Michel Platini impone che i costi non superino i ricavi, quindi una società per fare mercato dovrà prima vendere e poi acquistare.

12.10.2011 - La Redazione
grosso_fabio_R375x255_07mar10

Il fair play finanziario ideato da Michel Platini impone che i costi non superino i ricavi, quindi una società per fare mercato dovrà prima vendere e poi acquistare. La Juventus sa perfettamente che il presidente dell’Uefa, nonchè ex grande calciatore bianconero, è inflessibile su questo punto, per questo ha già iniziato a pensare al mercato di gennaio 2012 e giugno 2012. Gli obiettivi in casa Juventus non mancano, a gennaio Marotta vorrebbe portare a Torino un difensore centrale visto che Chiellini è stato spostato definitivamente a sinistra. Non solo, il sogno di Conte è quello di vedere Tevez a Torino, visti i rapporti pessimi tra l’Apache e Mancini è evidente che a gennaio le cose potrebbero cambiare, per questo il tecnico della Juventus vorrebbe approfittare di questa situazione. Per mettere a segno questo doppio colpo, probabile che arrivi solo il difensore, la Juventus ha bisogno di cedere i calciatori in esubero. Non c’è solo Amauri nel mirino della Juventus, l’attaccante italo-brasiliano è in buona compagnia. In difesa Marco Motta non è stato utilizzato neanche un minuto, sicuramente perchè Stephan Lichtsteiner ha conquistato tutti e Conte non vuole toglierlo finchè non ha problemi fisici. C’è anche un aspetto che riguarda lo stesso Motta che non rientra nei piani di Antonio Conte. Eppure il giovane difensore italiano è stato riscattato in estate dall’Udinese. Motta sembra interessare a qualche società spagnola, in estate si è parlato di Atletico Madrid e Malaga. La Juventus conta di rientrare dai 5 milioni di euro spesi per l’acquisto definitivo dell’ex calciatore dell’Udinese. Sempra in difesa c’è la storia di Fabio Grosso che a inizio stagione era fuori rosa, poi è stato ripescato da Conte a causa delle prestazioni sottotono di De Ceglie. Ma anche Grosso dovrebbe andare via, per lui si parla di Spagna ma anche di Emirati Arabi. In attacco oltre ad Amauri c’è anche Vincenzo Iaquinta sul piede di partenza. L’attaccante calabrese non si è ancora ripreso dall’infortunio muscolare patito durante la preparazione. Su di lui ci sono alcuni club russi, in particolare lo Spartak Mosca, molto dipenderà dal recupero di Iaquinta, la Juventus spera di cederlo a gennaio e di racimolare almeno un 6-7 milioni di euro.

Infine c’è il discorso legato a Sorensen, giovane difensore danese classe 92′. Lo scorso anno con Delneri, Sorensen disputò ottimi match, la Juventus crede nelle qualità del giocatore scandinavo per questo è pronta a cedere il giocatore solo in prestito o al massimo in comproprietà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori