CALCIOMERCATO/ Juventus, vertice per Bendtner: si decide il futuro

Vertice fra l’agente di Nickals Bendtner, Terry Brooks, e il ds della Juventus, Fabio Paratici. Si decide il futuro del nazionale danese che vorrebbe giocare di più

27.10.2012 - La Redazione
bendtner_mascherar400
Nicklas Bendtner (al centro), 24 anni, deve ancora togliersi la maschera (INFOPHOTO)

Quando sarà la volta di Nicklas Bendtner fra le fila bianconere? Se lo chiedono in tanti a cominciare dal diretto interessato e dal suo agente, Brookes. Il giovane attaccante della nazionale danese, sbarcato a fine agosto a Torino in prestito dall’Arsenal, è stato fino ad ora utilizzato con il contagocce, anche in alcune occasioni, leggasi sul 4 a 1 contro la Roma, che avrebbero permesso “esperimenti” in casa Juve. Il futuro rimane molto incerto e c’è chi parla addirittura di una cessione già a gennaio, con conseguente ritorno all’Emirates Stadium di Londra, se le cose non dovessero migliorare. Il danese naturalmente vorrebbe giocare di più e lo ha ribadito alla stampa di casa durante gli scorsi giorni, in occasione dei match delle Nazionali per i Mondiali del 2014. Bendtner chiede di poter dimostrare di valere la casacca che indossa, senza alcuna polemica, e in questi giorni si è incontrato con il suo agente, Thomas Brookes, per il fare il punto della situazione. Oggi lo stesso procuratore incontrerà il direttore sportivo Fabio Paratici e poi volerà a Milano per incontrario Umberto Gandini, direttore organizzativo rossonero, per proporgli qualche assistito. Il tutto è rimandato a fine dicembre quando verranno tirare le somme. Se le cose non dovessero migliorare il messaggio sarà recepito e lo spilungone danese si cercherà una nuova sistemazione come è giusto che sia. Tra l’altro non sono da escludere rivoluzioni nell’attacco bianconero durante il prossimo gennaio. In partenza, oltre a Bendtner, sono dati anche Fabio Quagliarella, Alessandro Matri e Vincenzo Iaquinta. Due di questi quattro potrebbero definitivamente salutare lo Juventus Stadium e al loro posto si potrebbe verificare l’ingresso del famoso top player, Fernando Llorente su tutti, e magari di un comprimario. Non è da escludere un “ritorno” a Torino di Manolo Gabbiadini, acquistato in comproprietà con il Bologna, e attualmente in Emilia dove però non trova spazio. Nel frattempo, nell’Assemblea degli azionisti, c’è chi ha provato ad alzare la voce: «Perché non ci fate vedere Bendtner?». C’è grande curiosità soprattutto dopo le recenti parole di Gigi Buffon, che in videochat ha esclamato: «Isla e Bendtner sono due grandi giocatori e aspetto il loro inserimento».

Tutto può succedere quindi, non ci resta che attendere i prossimi mesi per capire come evolverà definitivamente questa situazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori