Nicklas Bendtner/ L’ex juventino arrestato per atti vandalici nel suo condominio

Disavventura per Nicklas Bendtner: l’ex della Juventus è stato arrestato per aver forzato un armadietto nella palestra del suo condominio. Incidente chiarito, il giocatore si è scusato

26.11.2013 - La Redazione
Bendtner_infortunio
Nicklas Bendtner ai tempi della Juventus (Infophoto)

Arrestato per danni all’interno del suo condominio. La notizia risale a due giorni fa, ma è stata riportata questa mattina sulle pagine del Guardian: la disavventura, subito chiarita, è capitata a Nicklas Bendtner. Qualcuno lo ricorderà con un pizzico di ironia, più difficilmente nostalgia: l’attaccante danese era stato uno degli acquisti dell’estate 2012 della Juventus, che a lungo aveva inseguito Luis Suarez e Robin Van Persie e poi, per placare la sete da prima punta, aveva ripiegato su di lui. Commettendo un incredibile errore di valutazione: d’accordo che si trattava di un prestito, ma Bendtner alla fine della stagione si era fatto notare esclusivamente per essere stato l’unico, nel corso della premiazione per lo scudetto, ad aver salutato con una stretta di mano le due hostess che “vigilavano” sulla passerella d’onore. Un completo flop: undici presenze e nessun gol per un giocatore che in Premier League non aveva nemmeno fatto malissimo, ma che non è mai stato uno sfondareti e di certo non era quello che serviva alla Juventus. Rientrato all’Arsenal, fin qui ha giocato 7 partite in stagione: chiuso dall’esplosione di Olivier Giroud, rischia di diventare un desaparecido del calcio europeo, un contesto che forse non merita. Ad ogni modo, visto che Arsene Wenger lo considera poco lui ha pensato bene di farsi notare fuori dal campo; è stato lui stesso a forzare l’armadietto della palestra, “perchè non riuscivo ad aprirlo”. Bendtner ha raccontato di essere andato a mangiare con la famiglia e alcuni amici, e di aver danneggiato l’armadietto dopo essere stato in piscina. “Ci è venuta voglia di fare un bagno notturno, la mia chiave elettrica funzionava ma la porta sembrava bloccata”, ha scritto su Instagram. “Chiedo scusa ai vicini, ripagherò il danno. Ho già chiarito tutto con la polizia”. Insomma, niente di grave: non come quella volta che, un anno fa, era stato arrestato in Danimarca per guida pericolosa in stato di ebbrezza. Coraggio Nicklas: forse tra poco arriveranno anche i titoli per i gol in campo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori